“La mafia è una montagna di me**a”. Questa frase di Peppino Impastato gli sarà risuonata in testa e nel cuore migliaia di volte da ragazzo, e ancora più oggi, a poche ore dall’arresto di quello zio dal nome ingombrante la cui parentela, anche se lontana, gli ha reso la vita un’inferno. Giuseppe Cimarosa, 40 anni, è il figlio della cugina di Matteo Messina Denaro, il boss catturato dopo 30 anni di latitanza. Ma sin da piccolo Giuseppe aveva un altro idolo ed era Peppino Impastato e la sua lotta contro la mafia. E così per tutta la vita ha iniziato anche lui a lottare e gridare contro quel sistema malato e diffuso nella sua Sicilia.

“Pensavo che questo giorno non sarebbe mai arrivato, oggi mi sento un po’ meno in pericolo. Grazie allo Stato”, ha detto a L’Espresso a poche ore dalla notizia dell’arresto di Matteo Messina Denaro. E subito si è rimboccato le maniche per gridare ancora più forte contro la mafia. Lui, che ha scelto di continuare a vivere nella sua Castelvetrano facendo l’istruttore di equitazione e il regista di teatro equestre, non ci sta a starsene zitto. “A due giorni dal lieto evento e dopo la lunga riflessione, ho pensato che domani sia molto importante, per il valore simbolico che custodisce, organizzare una manifestazione silenziosa e pacifica nel quartiere dove Matteo Messina Denaro è nato e dove vive ancora il resto della sua famiglia – ha scritto in un post su Facebook – E facciamolo portando un foglio bianco con noi che simboleggi la rinascita della nostra Castelvetrano, perché si riscriva una nuova storia, una nuova era, un nuovo domani senza ombre e con coraggio. Vi chiedo di non perdere questa occasione perché tutti noi siamo chiamati, chi nel piccolo e chi nel grande, a fare il nostro dovere. E ribellarsi alla Mafia e gioire di questo arresto è un nostro dovere di siciliani onesti. Fino ad oggi la nostra storia è stata segnata e scritta dagli errori degli altri… da oggi ce la scriviamo da soli! Chi è con me? Forza, Castelvetrano, risorgiamo!”.

Giuseppe Cimarosa ha raccontato a Repubblica la sua infanzia trascorsa a Castelvetrano dove Matteo Messina Denaro era considerato come un mito dai suoi compagni di classe. “Per me non c’era nulla di cui vantarsi – racconta Cimarosa – Avevo conosciuto la storia di Peppino Impastato ed era lui il mio punto di riferimento ideale. Così è iniziato il conflitto profondo con mio padre. Lo hanno arrestato per la prima volta quando avevo da poco compiuto 15 anni”. E racconta cosa accadde a suo padre: “Ha scontato 5 anni ingiustamente, perché era stato assolto dall’associazione mafiosa e condannato per danneggiamento contro un ex socio. Non aveva commesso lui quel reato, però non disse nulla. Così, una volta tornato libero, fu ritenuto affidabile e venne nuovamente assoldato”. Poi il padre nel 2013 iniziò a collaborare con la giustizia.

Lui rifiutò il programma di protezione per un motivo ben preciso: “Io mi chiamo Giuseppe Cimarosa. Ho una mia identità di persona onesta che ho costruito negli anni e con fatica. Non ci rinuncio per colpa di Matteo. Non sono un eroe, ho fatto una scelta, ho preferito la libertà e rimanere a casa mia. Però ho pagato un prezzo. Sono dieci anni che viviamo con l’ansia di essere ammazzati a colpi di pistola o con una bomba”. Una vita da inferno solo per essere lontanamente imparentato con il boss inafferrabile. “Dopo la morte di mio padre, la sua tomba è stata distrutta due volte e già questo è un segnale. Ma forse alla famiglia di Matteo Messina Denaro non conveniva farmi del male, mi avrebbe trasformato in un martire. Tanto ci pensavano gli altri, a farmi vivere l’inferno sulla terra”.

Giuseppe racconta che da sempre ha vissuto a Castelvetrano da emarginato con gli amici che da un giorno all’altro non gli hanno più risposto al telefono e i ragazzi spariti anche dal suo maneggio. “Pian piano, si è costruita una nuova comunità. Però ho pagato due volte: tutto quello che ho, compresa la casa e il lavoro, è stato confiscato dallo Stato dopo la collaborazione di mio padre. È una beffa”. Ora, dopo l’arresto del superboss si accende una nuova speranza. “È un’opportunità unica per riscattare questo territorio. Forse l’ultima. Dobbiamo scrivere un nuovo futuro”.

Avatar photo

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.