La Cina ha approvato la somministrazione ai militari per un anno del vaccino sperimentale contro il Covid-19 sviluppato congiuntamente da un team dell’Accademia di Scienze mediche militari e dalla società CanSino Biologics. Lo riferisce il South China Morning Post. E’ la prima volta che l’uso di un vaccino anti-Covid è stato autorizzato per l’uso sperimentale sull’esercito.

Il vaccino, identificato come Ad5-nCoV, ha superato le prime due fasi della sperimentazione clinica e secondo la CanSino è “sicuro”. Ora inizierà la fase tre per verificare se effettivamente riesce a proteggere i destinatari dall’infezione del Covid-19. Il vaccino per ora non è stato autorizzato per scopi civili. Secondo quanto riferito dal South China Morning Post, CanSino avrebbe raggiunto un accordo con il governo canadese per condurre lì la terza fase di sperimentazione, ma i dettagli non sono stati rivelati.

Intanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità frena sulla fine dell’emergenza. “La pandemia di Covid-19 non è nemmeno vicina alla fine” ha detto il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus durante il consueto briefing con la stampa a Ginevra. “Sebbene molti paesi abbiano compiuto alcuni progressi a livello globale, la pandemia in realtà sta accelerando. Siamo tutti coinvolti e lo siamo a lungo termine”, ha aggiunto Tedros, “Abbiamo già perso tanto, ma non possiamo perdere la speranza”.