La seconda ondata della pandemia da coronavirus sta mettendo in ginocchio l’Italia. E mentre i contagi continuano ad aumentare, la politica che rincorre l’emergenza senza strategie e con misure improvvisate, le chiusure che scatenano e acuiscono la rabbia sociale e la crisi economica; a combattere in prima linea restano sempre loro; i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari. Un appello, una chiamata alla responsabilità, una testimonianza della fatica e della determinazione di medici e operatori sanitari arriva da Matera, dall’Ospedale Madonna delle Grazie. Il dirigente medico Francesco Zuccaro ha postato sulla sua pagina Instagram una fotografia. E quindi il viso segnato dalla mascherina e un lungo messaggio.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Siamo provati, segnati, stanchi, ma motivati e combattivi, ancora dopo 9 mesi! Potete giurarci ! Abbiamo 10 posti letto letto, espandibili a 16 siamo pronti anche a questa nuova emergenza, non c’è una cura definitiva, ma abbiamo imparato ad agire prima e meglio, e questi metodi di cura funzionano, ma sono duri sia per i pazienti, sia per noi che per i parenti che hanno bollettini più che un rapporto umano. Noi ce la mettiamo tutta, ma la libertà è un esercizio collettivo, e possiamo riuscirci solo se ognuno fa la sua parte: – indossa la mascherina sempre quando non è possibile mantenere una distanza, indossala sul volto, coprendo naso e bocca – igienizza le mani – mantieni la distanza di sicurezza – evita gli assembramenti #fuckcovid19

Un post condiviso da Francesco Zuccaro (@pentothal_zip) in data:

“Siamo provati, segnati, stanchi, ma motivati e combattivi, ancora dopo 9 mesi! Potete giurarci!

Abbiamo 10 posti letto, espandibili a 16. Siamo pronti anche a questa nuova emergenza, non c’è una cura definitiva, ma abbiamo imparato ad agire prima e meglio, e questi metodi di cura funzionano, ma sono duri sia per i pazienti, sia per noi che per i parenti che hanno bollettini più che un rapporto umano.

Noi ce la mettiamo tutta, ma la libertà è un esercizio collettivo, e possiamo riuscirci solo se ognuno fa la sua parte:

– indossa la mascherina sempre quando non è possibile mantenere una distanza, indossala sul volto, coprendo naso e bocca

– igienizza le mani

– mantieni la distanza di sicurezza

– evita gli assembramenti

#fuckcovid19

BASILICATA – Mentre veniva firmato il nuovo dpcm, in vigore da oggi, da parte del governo, il bollettino nazionale, diffuso da Protezione Civile e ministero della Salute, recitava 77 nuovi positivi in Basilicata (4 dalla Puglia) su 1.181 tamponi, per un totale di 1.696 dall’inizio dell’emergenza. Al momento sono 1.013 i positivi in totale nella Regione, 58 i ricoverati con sintomi, 5 in terapia intensiva – uno a Potenza e quattro a Matera – 955 in isolamento domiciliare. Il totale dei morti dall’inizio dell’emergenza è di 44. L’aggiornamento di lunedì riporta 12 positivi (4 dalla Puglia) su 134 tamponi; 12 i guariti; 72 i ricoverati: 2 in Terapia intensiva a Potenza e 4 a Matera.

La categoria di medici e operatori sanitari è stata tra le più colpite durante la prima ondata della pandemia. La Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) aggiorna costantemente l’elenco dei medici morti a causa del coronavirus. Al momento sono 183, dall’esplosione della pandemia in Italia.