Attimi di tensione al Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Gradisca, nel goriziano. Intorno alle ore 21 di ieri alcuni detenuti hanno messo in atto una protesta dopo aver saputo che nella struttura ci sono quattro persone risultate positive al coronavirus.

All’inizio i casi sembravano essere tre. Nella giornata di ieri la conferma di un ulteriore positivo. I quattro contagiati si trovano tutti in isolamento e sono tutti asintomatici. Questo non ha calmato gli animi di alcuni altri detenuti che hanno dato fuoco a materassi e qualche pannello di plexiglass. Immediato l’intervento dei Vigili del Fuoco che hanno sedato le fiamme e delle forze dell’ordine che hanno placato la protesta. Non risultano esserci feriti o intossicati né tra gli ospiti né tra i militari. Alcune settimane fa si erano verificati altri attimi di tensione quando per un’intera notte sono state appiccate fiamme a suppellettili e i pompieri sono dovuti intervenire più volte.

Nessun positivo al coronavirus tra le forze dell’ordine e il personale della struttura. Le operazioni di rimpatrio dei Cpr sono al momento sospese, causa pandemia. I detenuti che dovranno essere rilasciati a breve per decorrenza dei termini potranno farlo solo dopo un tampone risultato negativo al Covid-19.

Redazione