C’è l’ok in Commissione Bilancio e Affari costituzionale all’emendamento “Salva Napoli’. La proposta di modifica al decreto Milleproroghe, avanzata dal Partito Democratico e dal Movimento 5 Stelle, blocca fino 2021 gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale del 20 gennaio scorso, che ha confermato i rilievi della Corte dei Conti sul fatto che l’amministrazione non poteva utilizzare le anticipazioni di liquidità dello Stato, e la necessità di ricalcolare il disavanzo.

Una norma che trova una soluzione per il rischio dissesto della città guidata dal sindaco Luigi De Magistris che potrà spalmare nei successivi bilanci una serie di debiti. Una decisione che nei giorni scorsi ha provocato non poche polemiche.

A parlare di scambio politico Gianluca Cantalamessa, deputato della Lega e referente di Matteo Salvini in Campania. “È una mossa fatta dal Pd per salvare il suo alleato alle suppletive”, dice il deputato leghista. “Questa trattativa ha un nome ed è quello di Sandro Ruotolo – dice – e a farne le spese saranno ancora una volta i napoletani”.