Resta in carcere Michele Antonio Gaglione, il 30enne di Caivano (Napoli) accusato di aver ucciso la sorella Maria Paola speronandola mentre era in scooter nella notte tra venerdì e sabato. Il gip Fortunato Basile ha infatti convalidato il fermo di pm, col ragazzo accusato di omicidio preterintenzionale aggravato dai futili motivi.

La decisione è arrivata al termine dell’udienza preliminare che si è conclusa presso il tribunale di Nola. Gaglione, secondo la ricostruzione degli inquirenti, si opponeva alla relazione della sorella col 22enne Ciro Migliore, in quanto transessuale, e più volte aveva minacciato il ragazzo per costringerlo a lasciare Maria Paola. Venerdì li avrebbe inseguiti con la sua morto, speronando lo scooter su cui viaggiavano Ciro e Maria Paola. La 18enne del Parco Verde di Caivano è caduta ed è morta sbattendo la testa.

Nel corso dell’udienza preliminare Gaglione ha ribadito la sua tesi difensiva, sostenendo di voler far male alla sorella e che la morte causata dall’incidente non fosse un’azione volontaria. Domenico Paolella, avvocato di Gaglione, riferisce infatti quella che è la difesa del 30enne: “L’ho inseguita a bordo del mio scooter, ma non l’ho uccisa. Non ho provocato io l’incidente. Volevo solo chiederle di tornare a casa: aveva fatto le valigie ed era scomparsa, gettando tutta la famiglia nella disperazione”, è quanto riferito da Michele Antonio ai magistrati. Contro la decisione del gip di convalidare il fermo “ricorreremo al Tribunale del Riesame”, ha aggiunto l’avvocato di Gaglione.

 

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia