In questi ultimi giorni di agosto, nella torrida estate della pandemia, abbiamo assistito a timide riapparizioni di turisti stranieri a Napoli e nella regione Campania, ma per i commercianti e gli operatori del settore turistico la stagione è ormai perduta. Un barista, un ristoratore, un venditore di souvenir, un tassista e un operatore di servizi turistici: il bilancio è negativo per tutti, in un’estate partita in ritardo – molti vacanzieri hanno posticipato evidentemente le ferie nell’attesa di vedere che piega prendesse la pandemia – con perdite stimate tra il 40 e il 70%, rispetto agli altri anni. Prima della pandemia i dati del turismo in Campania segnalavano infatti crescite esponenziali, soprattutto legati all’arrembaggio del turismo di massa (si pensi alle crociere o ai tour della costiera che prevedevano anche brevi soste nel capoluogo partenopeo).

Con in Covid i flussi turistici hanno subito dei cambiamenti sostanziali, facendo registrare una maggiore presenza di turisti italiani, soprattutto dal Nord Italia, ma a discapito dei grandi flussi del turismo internazionale, che fino all’estate scorsa raggiungevano numeri molto alti di turisti, soprattutto di provenienza russa e statunitense, ormai un pallido ricordo. “Molti hanno iniziato le ferie in ritardo ma questi timidi miglioramenti degli ultimi giorni non cambiano il risultato”, sottolinea un operatore turistico, scettico sulla reale portata della pandemia e convinto del danno che a livello mondiale il commercio avrebbe subito a causa del “terrorismo psicologico che ha impaurito le persone, costrette forzatamente ai domiciliari”.

I dati sui contagi degli ultimi giorni non lasciano ben sperare, tanto più se si considerano i tassi di contagio degli altri paesi, soprattutto quelli storicamente legati al turismo in Campania. Si prospetta un autunno difficile, ostaggio dello spauracchio di un ritorno di fiamma del contagio, se non di altri lockdown, che darebbero il colpo di grazia ad alcuni settori che per questa stagione turistica, siamo al 21 agosto, hanno già alzato bandiera bianca.