Lo Stato di New York, che non è mai riuscito a portare a termine un disegno di legge volto alla legalizzazione della marijuana per anni, è diventato il sedicesimo stato americano a legalizzare le vendite di marijuana agli adulti e inoltre è il terzo stato in cui i legislatori anziché gli elettori hanno approvato la legalizzazione volta ad un ricreativo. La firma del disegno di legge è arrivata lo scorso mercoledì il giorno dopo che il Senato ha votato a favore 40-23 e l’Assemblea lo ha approvato 100-49. La vendita sarà concessa solo alle persone che hanno dai 21 anni in su.

Il disegno di legge prevede che ci sarà un’imposta sulle vendite del 9% sulla cannabis, più un ulteriore suddivisione delle tasse del 4% tra la contea e il governo locale. Ci sarà anche una tassa aggiuntiva che si basa sul livello di THC, l’ingrediente attivo della marijuana, che va da 0,5 centesimi per milligrammo per i fiori a 3 centesimi per milligrammi per i commestibili. Il 40% delle tasse derivanti saranno investite per supportare le minoranze più duramente colpite dagli arresti per traffico di marijuana. “Abbiamo letteralmente distrutto la vita di migliaia di persone – ha detto il leader della maggioranza dell’Assemblea Crystal Peoples-Stokes Questo è ciò che c’è di buono in questa legislazione. Cambieremo la vita di alcune di quelle persone e le aiuteremo a essere in grado di prendersi cura di se stesse, delle loro famiglie e delle loro comunità“. La mossa di New York, che segue la legalizzazione degli Stati del Massachusetts e New Jersey, dà una spinta aggiuntiva al possibile via delle legalizzazione a livello nazionale.

Inoltre, New York inizierà anche a cancellare automaticamente i record di persone con precedenti condanne per reati legati alla marijuana che non sarebbero più criminalizzati. Ciò significa che le forze dell’ordine di New York non potranno più arrestare o perseguire le persone a meno che non posseggono più grammi del limite prestabilito, ovvero circa 85 grammi. Ma all’agente di polizia potrà comunque usare l’odore della cannabis bruciata come motivo per sospettare che un guidatore sia intossicato. Tuttavia, l’agente non può utilizzare quell’odore da solo come giustificazione per cercare un’auto di contrabbando.

Gli ultimi giorni di proibizione della marijuana nello Stato di New York sono alle porte –  ha detto in un comunicato il Brooklyn Defender Services – il governo dello Stato di New York ha promosso una legge di legalizzazione progressiva e storica radicata nella giustizia razziale ed economica che non si concentra esclusivamente sulla generazione di entrate. I newyorkesi hanno chiesto che la legalizzazione sia fatta bene e questa legislazione lavora per affrontare i molti danni che Black e comunità brune hanno sofferto a lungo a causa dell’impatto dell’applicazione del razzismo. Questa legislazione riconosce che la “Guerra alla droga” è invischiata non solo nel sistema giudiziario penale, ma anche nell’immigrazione, negli alloggi, nell’occupazione, nei sistemi di regolamentazione della famiglia e altro ancora, con impatti devastanti su quasi ogni aspetto della vita delle persone “.

Le vendite non saranno possibili fino a quando New York non avrà stabilito i regolamenti sulla cannabis e secondo il leader Crystal Peoples-Stokes ha stimato che potrebbero servire dai 18 mesi ai due anni prima che tutto ciò abbia inizio. Ciò significa che tra non più di due anni sarà permesso ai consumatori di poter ricevere consegne a domicilio di marijuana o addirittura andare nei cosiddetti coffe shop. I singoli newyorkesi verrà data la possibilità di coltivare nelle proprie abitazioni fino a un massimo di sei piate ma per loro l’attesa sarà ancora più lunga in quanto dovranno aspettare fino a 18 mesi dopo la prima vendita regolamentata per uso adulto. Regola non valida per i pazienti che fanno uso delle marijuana medica che potranno iniziare la piantagione sei mesi dopo l’approvazione. Proprio per questo motivo la legislazione ha modificato l’elenco delle condizioni di salute che necessitano la marijuana medica.

I funzionari di New York hanno in programma di lanciare una campagna di educazione e prevenzione volta a ridurre il rischio che i ragazzi di età inferiore ai 21 anni siano incitati all’uso della marijuana. Dunque le scuole potrebbero ottenere sovvenzioni per programmi anti-svapo e di prevenzione e sensibilizzazione alla droga. Sarà proibita la pubblicità di cannabis per le strade e i negozi al dettaglio e i lounge non potranno essere situati nei pressi di scuole, case o luoghi di culto.

Non tutti però sono a favore di questa nuova legge. Infatti un vescovo di Brooklyn Nicholas DiMarzio ha rilasciato una dichiarazione sulla legalizzazione della marijuana nello stato di New York. “È estremamente deludente che la marijuana ricreativa sarà presto legale nello Stato di New York. La scienza è chiara e la stiamo ignorando. La marijuana è una droga di passaggio che non fa bene alla salute e ha gli stessi effetti cancerogeni delle sigarette. Con questa legge, più giovani inizieranno a usare la marijuana perché pensano di essere invincibili e nulla li influenzerà. Questa non è una buona cosa per la nostra società a New York o altrove. La marijuana ricreativa attutisce anche i sensi e non permetterci di esibirci al massimo. La nostra fede dice che non dovremmo fare nulla per mettere in pericolo la nostra salute e le nostre vite. Quindi chiaramente, questa è una legge che metterebbe molti cattolici in contrasto con i loro obblighi morali. Prego per tutti i newyorkesi , ma soprattutto i nostri bambini e giovani, che stiamo mettendo in pericolo ‘con l’adozione di questa terribile legge “.

Laureata in relazioni internazionali e politica globale al The American University of Rome nel 2018 con un master in Sistemi e tecnologie Elettroniche per la sicurezza la difesa e l'intelligence all'Università degli studi di roma "Tor Vergata". Appassionata di politica internazionale e tecnologia