Victor Osimhen è l’uomo del momento del Napoli e a Napoli. L’attaccante nigeriano è già a quota sette gol, sciorina prestazioni in crescita e potenzialmente ancora migliorabili, sembra imprendibile. Il calciatore nigeriano, 22 anni, dopo una prima stagione provata da infortuni e dal contagio da covid, ha ricominciato alla grande con il Napoli del nuovo allenatore Luciano Spalletti, saldo in testa alla classifica di Serie A. Domenica sarà il turno del Torino.

E proprio il giornale del capoluogo piemontese, La Stampa, dedica un lungo articolo all’attaccante del momento in Serie A, quello più in forma, il giocatore premiato come “Player of the month” di settembre dall’Associazione Italiana calciatori. “Il Toro dovrà inventarsi un modo di individuarlo, prima di riuscire a fermarlo”, scrive Giulia Zonca sul quotidiano. Se in forma sembra effettivamente imprendibile, sfianca gli avversari, raggiunge qualsiasi pallone in profondità.

Quello che più richiama l’attenzione nell’articolo però è il ritratto della dimensione quotidiana del numero 9: perché se è vero che è bellissimo essere a Napoli, è anche vero che è molto difficile. “Osimhen a Napoli si veste da rapper, uno di quelli ‘bling bling’, come si dice nella Francia che lo ha reso famoso: catene e capi firmati, tutto per attirare l’attenzione e poi il contrario per non farsi notare. Street food per i vicoli di una città che ormai lo adora e poche frequentazioni, su indicazione dell’amico Koulibaly. Il pesce al Cocoloco che lo coccola, delivery frequenti e mance abbondanti a tutti i ragazzi che portano cibo come facevano i suoi fratelli. Uscite sempre più rare perché da quando si è detto che ha preso il Covid a una festa in Nigeria sta lontano dalle chiacchiere”.

“Bling bling” è un termine che nello slang dell’hip hop indica un armamentario estetico poco discreto e molto barocco fatto di gioielleria, abbigliamento eccentrico, uno stile ostentato. Una maniera per nascondersi secondo il quotidiano torinese. Per passare inosservato – possibile, che basti? Viene da chiedersi – e godersi la città ed evitare costanti e continui bagni di folla. Osimhen, acquistato l’anno scorso – il calciatore più caro di sempre nella storia del club azzurro, circa 70 milioni di euro ai francesi del Lille – ha intanto solo dichiarazioni d’amore per Napoli.

“Si fidano di me e sono stati al mio fianco durante l’inizio difficile della scorsa stagione. L’amore che provo è enorme: il club, la città, i tifosi e tutti coloro che sono legati al Napoli, mi fanno volare. Gioco per un club incredibile, con una grande storia calcistica. Devo solo concentrarmi e provare a dare sempre il massimo”, ha dichiarato recentemente in un’intervista a BBC Sport Africa.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.