“L’anno prossimo faremo in Italia un vertice sulla sanità con il premier Conte”. È l’annuncio arrivato dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che ha fissato per il prossimo anno l’appuntamento che sarà organizzato da Conte in occasione della presidenza italiana del G20. Gli europei, ha ribadito la von der Leyen nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione a Bruxelles, “vogliono uscire da questo mondo del coronavirus, da questa fragilità, dall’incertezza. Sono pronti per il cambiamento e sono pronti ad andare avanti. Questo è il momento per l’Europa per lasciarsi alle spalle questa fragilità verso una nuova vitalità

SANITA’ E GREEN DEAL – “Dobbiamo costruire un’Unione europea della sanità più forte”, ha detto la von der Leyen, “per rafforzare la nostra preparazione alle crisi e la gestione delle minacce sanitarie transfrontaliere. Ed è più chiaro che mai che dobbiamo discutere la questione delle competenze sanitarie”, ha aggiunto la presidente della Commissione Ue.

A proposito di clima, “per diventare il primo continente climaticamente neutro, proponiamo portare l’obiettivo per il 2030 di riduzione delle emissioni ad almeno il 55”. “Riconosco che troppo per alcuni e non abbastanza per altri. Ma la nostra economia e industria possono gestirlo. E lo vogliono anche loro”, ha aggiunto la von der Leyen. Quanto alle risorse del Recovery Fund, “spenderemo il 37% di Next Generation Eu per gli obiettivi del Green deal”, ha dichiarato nel suo discorso sullo stato dell’unione.

NO A NAZIONALISMO SUI VACCINI – La presidente della Commissione europea ha poi messo in guardia sul nazionalismo sui vaccini che “mette a rischio vite umane. La cooperazione le salva”. La von der Leyen ha quindi spiegato che “abbiamo riunito più di 40 Paesi per raccogliere 16 miliardi di euro per finanziare ricerca, test e cure per il mondo intero”.

IL SALARIO MINIMO – Importante apertura anche sul salario minimo, cui “tutti devono avere accesso anche attraverso il negoziato collettivo”. “Credo che sia arrivato il momento che il lavoro venga pagato nel modo giusto”, ha aggiunto specificando che “nella nostra Unione la dignità del lavoro deve essere sempre preservata ma la verità è che per troppe persone il lavoro non ripaga più”.

ABOLIRE IL REGOLAMENTO DI DUBLINO – Uno dei punti chiave del discorso della von der Leyen, soprattutto in chiave italiana, è stato l’annuncio dell’abolizione del regolamento di Dublino sull’immigrazione, che verrà sostituito “con il nuovo sistema di governance della migrazione a livello europeo”. “Avrà – ha aggiunto la presidente della Commissione europea – strutture comuni per asili e rimpatri e vedrà un meccanismo di solidarietà molto forte e incisivo”.

Attualmente il regolamento di Dublino prevede che ad ospitare e valutare le richieste di protezione internazionale spetta al paese d’ingresso del richiedente asilo, modalità che ha provocato grossi problemi in Italia ed in Grecia.

LA REAZIONE DI CONTE – L’annuncio della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di un summit sulla salute in Italia è stato ovviamente accolto con felicità dal premier Conte, che su Twitter si è detto “felice di ospitare come Presidenza italiana del G20 nel 2021 il Global Health Summit con Ursula Von der Leyen. Uniti proteggiamo la nostra salute e costruiamo un futuro migliore per le prossime generazioni”.