“La Commissione Tecnico Scientifica (CTS) di Aifa ha approvato l’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Comirnaty (BioNTech/Pfizer) per la fascia di età tra i 12 e i 15 anni, accogliendo pienamente il parere espresso dall’Agenzia Europea dei Medicinali”, si legge nella nota dell’Agenzia italiana del farmaco. Secondo la Commissione, infatti, “i dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza del vaccino anche per i soggetti compresi in questa fascia di età”.

La decisione arriva dopo il via libera dell’Agenzia europea del farmaco (Ema) del 28 maggio scorso. Al momento questo preparato, il primo a essere approvato in Europa, e quindi in Italia, e negli Stati Uniti, è previsto a partire dall’età di 16 anni a salire. Tutti gli altri sono previsti a partire dai 18 anni.

A rendere nota l’autorizzazione il ministro della Salute Roberto Speranza in una risposta a un’interrogazione alla Camera dei deputati. “E’ un fatto molto importante – ha commentato il ministro – perché vaccinare i giovani è altamente strategico ed è essenziale per la riapertura in sicurezza del prossimo anno scolastico“.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.