Violenza sessuale di gruppo ai danni di due ragazzine minorenni. E’ l’accusa nei confronti di cinque ragazzi, tra cui un minore, che dovranno anche provare di non aver girato un video, diffuso poi sui social, dove venivano immortalati gli abusi commessi in un garage. I fatti si sarebbero verificati in un garage di Alassio, nel Savonese.

I cinque, di età compresa dai 17 ai 24 anni, sono finora indagati per i reati di violenza sessuale di gruppo e adescamento di minori, ma se venisse accertato che hanno girato il video e che questo video è finito sui social rischiano anche una incriminazione per revenge porn e detenzione e diffusione di materiale pedopornografico. Gli accertamenti sui cellulari dei ragazzi, che sono sequestrati dai carabinieri su ordine dei magistrati della procura di Savona e della procura presso il tribunale dei minori, verranno affidate ad un perito.

A denunciare le presunte violenze sono stati i genitori delle due ragazzini che hanno raccontato ai carabinieri quanto riferito dalle loro figlie. La violenza si sarebbe verificata diverse settimana fa, in un garage. Appena le ragazzine hanno avuto la forza di raccontare tutto ai genitori, questi hanno immediatamente presentato la denuncia.

Da lì sono scattate le indagini effettuate con grande delicatezza e riservatezza dai carabinieri che, conoscendo bene il territorio e gli abitanti, sono stati punto di riferimento naturale per i genitori delle vittime. “E’ stata fissata davanti alla Procura della Repubblica di Savona, dottoressa Venturi, un’udienza per accertamenti non ripetibili il 21 maggio”, ha detto Erik Bodda, l’avvocato di uno degli indagati.

Redazione