Una lite con il fidanzato dopo la festa nel casolare con gli amici a Montecarotto. Poi di Andreea Rabciuc, campionessa romena di tiro a segno, 27 anni, non si è più saputo nulla. Era il 12 marzo, da quel momento è passato più di un mese. Il suo fidanzato è stato convocato dai carabinieri di Jesi insieme ad altre due persone. L’uomo ha fin ora dichiarato di non sapere nulla di cosa fosse successo alla fidanzata: “Io non ho fatto nulla, non c’entro nulla”, ha detto ai giornalisti nei giorni scorsi

Come riportato da La Stampa è stata sequestrata l’auto del fidanzato e sono stati posti i sigilli all’area intorno ad un casolare e ad una roulotte nel territorio di Montecarotto, dove Andreea aveva trascorso la serata tra l’11 e il 12 marzo con il compagno e altri amici. La ragazza si era allontanata a piedi dopo il litigio e il cellulare era rimasto al fidanzato, che lo ha consegnato alla madre della 27enne dopo un giorno e mezzo.

In un primo momento si era ipotizzato che la ragazza si potesse essere allontanata volontariamente anche se gli appelli via social a tornare della mamma e del fidanzato erano caduti nel vuoto. Per un frangente qualcuno aveva anche ipotizzato che il cadavere ritrovato nel Po fatto a pezzi e infilato in un borsone potesse essere il suo, ipotesi poi esclusa. Secondo quanto riportato da Il Resto del Carlino, nelle ultime ore uno dei profili social della ragazza avrebbe preso ad animarsi e il sospetto è che qualcuno possa essere entrato conoscendo le password.

Intanto l’ex fidanzato continua a lanciare appelli dai social: “Andreea dove sei? Fatti sentire, mi basta solo sapere che stai bene”. E spera che da qualche parte Andreea possa leggere e rispondere. L’uomo sarà ospite a Chi l’Ha Visto? A cui già qualche giorno fa aveva detto: “Temo le sia successo qualcosa di brutto. Se non fosse stato così avrebbe fatto qualsiasi cosa per venire da me, anche a piedi da Moie a Jesi, come aveva fatto un’altra volta quando me la sono trovata davanti alla porta”. E ancora rilancia: “Non so cosa le sia successo e ho paura di saperlo”.

È sparita nel nulla dopo una serata trascorsa a casa di amici nei pressi di Ancona, in un casolare di Montecarotto. Da allora della 27enne di origini rumene, residente a Jesi, campionessa di tiro a segno, si sono perse le tracce. La Procura di Ancona ha aperto un fascicolo contro ignoti, titolare è la pm Irene Bilotta.

Andreea Rabciuc era andata a questa festa nelle campagne di Montecarotto invitata dal proprietario del casolare. Alla festa sarebbe arrivata con il fidanzato e un’altra coppia. Secondo quanto ricostruito da Il Corriere della Sera i presenti avrebbero raccontato che la ragazza si è allontanata intorno alle sette del mattino a piedi sulla strada di campagna dopo aver passato la serata a litigare con il fidanzato. A confermare le tensioni della coppia a Chi l’ha visto? l’amico proprietario del casolare. Prima di andare avrebbe lasciato al ragazzo anche il suo telefono cellulare.

Il telefono è stato restituito dopo qualche giorno alla madre, ora è nelle mani dei carabinieri. A Chi l’ha visto? il fidanzato ha raccontato di non essere colpevole, di non aver fatto nulla. E che i carabinieri gli hanno chiesto di non rilasciare interviste. Qualche giorno prima aveva scritto delle frasi che lasciavano intendere un addio a qualcuno. Ha escluso che il destinatario fosse la sua fidanzata, sottolineando che il post era vecchio. Poche ore prima, secondo le indagini, la 27enne aveva contattato il suo ex ragazzo.

A denunciare la scomparsa della giovane è stata la madre di Andreea. Fisico atletico, allenato, capelli a caschetto tinti di viola e numerosi tatuaggi. A quanto pare la ragazza era solita allontanarsi da casa per qualche tempo per poi ritornare. La prolungata assenza in questo caso ha però fatto scattare l’allarme. Le analisi delle indagini sono in corso. I carabinieri hanno perquisito accuratamente il casolare dove si è tenuta la festa e dove è stata vista per l’ultima volta Andreaa, oltre a una roulotte nei pressi dell’abitazione. Interrogate le persone vicine alla 27enne. Al momento non c’è nessuna traccia della ragazza.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.