La presidente ad interim della Bolivia Jeanine Añez Chavez ha fatto sapere di essere positiva al coronavirus. Al momento si trova in isolamento e che ci resterà per 14 giorni. Añez ha pubblicato un video sui social network sottolineando che “con tutti i miei collaboratori abbiamo lavorato a favore delle famiglie dei boliviani per un lungo periodo, e siccome molti di loro sono risultati positivi, mi sono sottoposta ad un test che ha confermato che anche io lo sono”.

Añez è diventata presidente della Bolivia dopo che Evo Morales, primo presidente indigeno del Paese, era stato accusato di brogli alle elezioni dell’ottobre 2019. Dopo settimane di proteste violente il capo delle forze armate aveva esortato il presidente a dimettersi. Morales è volato in esilio in Messico e poi in Argentina.

Il direttore nazionale del sistema penitenziario ha riferito ieri della situazione particolarmente emergenziale nelle carceri. Il ministro della Difesa Luis Fernando Lopez ha assunto ad interim la guida del ministero della Sanità dopo che la titolare del dicastero era risultata anche lei positiva al coronavirus. Nel suo primo intervento da ministro Lopez ha rivolto un appello alla popolazione ad essere disciplinata nel contrasto della pandemia, adottando scrupolosamente le raccomandazioni di biosicurezza.

In Bolivia, secondo i dati della Johns Hopkins University, sono 44.113 i positivi e 1.638 i morti. La curva del contagio non accenna ad abbassarsi in Sudamerica. Nelle ultime settimane la diffusione del covid-19 si è sempre più estesa. Il Brasile resta il secondo Paese per contagi (1.755.779) e morti (69.184). Perù e Cile sono rispettivamente quarto e quinto per contagi. Il Messico, con 33.526 decessi, è quinto. Ieri ha fatto registrare un record giornaliero con 7.280 positivi nelle ultime 24 ore.

Añez è il secondo capo di stato sudamericano a risultare positivo al covid-19 dopo il presidente, negazionista e di estrema destra, Jair Bolsonaro. Diosdado Cabello, considerato il numero 2 del chavismo in Venezuela, ha fatto sapere di essere positivo al covid. La situazione nel Paese desta particolare preoccupazione soprattutto per le condizioni in cui versa il sistema sanitario.

Redazione