Crescono leggermente i nuovi positivi nel bollettino di lunedì 6 luglio 2020 diffuso dal ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità. Rispetto ai 192 di ieri, oggi sono 208 i contagiati, di cui più della metà in Lombardia, la Regione più colpita: 111 nuovi contagiati.

Il totale dei casi arriva cosi a 241.819 dall’inizio dell’epidemia. In calo anche i morti, in aumento le Regioni senza nuovi contagiati.

Ieri, per la prima volta dopo cinque giorni consecutivi di curva ascendente, i contagi erano tornati a scendere. Come di consuetudine il numero dei tamponi del lunedì è più basso: 22.166, contro i 37.472 di ieri e i 52.011 di sabato.

Un morto in più rispetto a ieri: 8. Di cui 3 in Lombardia. Gli altri decessi: 2 in Piemonte e 1 in Veneto, Lazio e Sardegna. Il totale delle vittime sale a 34.869.

Dieci le Regioni che non fanno registrare nuovi casi: Marche, Trentino Alto Adige, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Umbria, Val d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. Prosegue la frenata del numero di guariti, oggi 133 (ieri 164, ma si erano superati anche i 3.000 in un giorno, con un numero di malati però molto superiore), per un totale di 192.241. Per effetto di questi dati, sale per il secondo giorno consecutivo il numero delle persone attualmente malate, +67 oggi (ieri +21), per un totale che arriva a 14.709. Come ieri, anche oggi si registra un aumento dei ricoveri ordinari, di appena una unità (ieri +5), per un totale che sale a 946. Mentre tornano a scendere le terapie intensive, oggi 2 in meno (ieri +3), e sono 72 in tutto. 13.691 sono le persone in isolamento domiciliare.