Non bastavano i pasticci combinati dall’Aria, la società della Regione Lombardia ‘commissariata’ dal governatore Attilio Fontana, nel mirino per le convocazioni sbagliate degli over 80 che andavano vaccinati a Cremona.

Oggi in Lombardia è andato in scena un nuovo errore marchiano che ha visto protagonista non Aria spa ma l’ASST di Lodi. Come raccontato dall’Agi, l’azienda sanitaria territoriale lodigiana ha erroneamente comunicato ad Aria la data di convocazione per la vaccinazione di un centinaio di over 80 di Codogno, la ‘città martire’ del Covid: l’appuntamento era fissato oggi, 23 marzo, presso l’hub vaccinale istituito al Palasport cittadino. Peccato che il palazzetto, dove stamattina si sono presentati gli anziani, era chiuso.

Come ricostruisce l’agenzia, l’errore dell’ASST riguarda il giorno: il 24 marzo era infatti la data scelta per il “cambio di guardia” tra ospedale e Palasport. Questa volta infatti l’Aria spa non ha colpe, limitandosi a ricevere la comunicazione dall’azienda sanitaria lodigiana e ad inviare l’sms sbagliato ai cittadini.

Al Palasport si era dunque presentati questa mattina alle 8 diversi convocati per la somministrazione del vaccino, alcuni di questi peraltro con patologie che rendono anche complicati gli spostamenti.

L’intoppo è stato fortunatamente risolto dall’intervento dei volontari della Protezione civile che, sollecitati dal sindaco del Comune di Codogno Francesco Passerini, hanno ‘dirottato’ in ospedale le persone che si erano già recate al Palasport: la maggior parte di loro sarebbe anche stata vaccinata.

LE SCUSE DELL’ASST LODI – Errore confermato dalla stessa ASST in una nota, in cui si imputa l’errore alla errata trasmissione ad Aria della data di apertura del nuovo hub vaccinale, prevista invece per domani mercoledì 24 marzo. “Il problema è stato risolto in mattinata, consentendo al personale della Asst di Lodi di reindirizzare gli utenti verso gli ambulatori dell’ospedale di Codogno e contemporaneamente di avvisare dello spostamento gli altri pazienti. Ciò ha permesso di vaccinare regolarmente i 104 cittadini in lista per il vaccino Pfizer e i 60 per il vaccino Astra Zeneca”.

L’Asst di Lodi, prosegue la nota, “si scusa con gli utenti per i disagi causati dall’errata comunicazione e ringrazia per la collaborazione la protezione civile e il comune di Codogno. La campagna vaccinale della Asst di Lodi, con l’apertura domani del terzo hub sul territorio lodigiano che si aggiunge a quelli già operativi di Lodi-Polo fieristico di San Grato e Sant’Angelo Lodigiano-Cupolone, prosegue seguendo il piano regionale. In particolare gli over 80 aderenti alla campagna e residenti nel territorio lodigiano sono 11.513. Di questi, 6.085 hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid. Si registrano, inoltre, ulteriori 1.109 over 80 che hanno ricevuto almeno una dose ma che non sono domiciliati nel territorio di competenza della Asst di Lodi. A oggi, quindi, il totale degli over 80 che hanno ricevuto la somministrazione di almeno una dose, comprensivo delle vaccinazioni effettuate presso le Rsa, e’ pari a 8.421 persone”.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia