Gli agenti dell’Fbi hanno sventato un piano per rapire la governatrice democratica del Michigan Gretchen Whitmer. Lo hanno detto le forze dell’ordine, che hanno parlato mesi di pianificazione e persino prove per portare via con la forza Whitmer dalla sua casa di vacanza.

Sei uomini sono stati accusati dalla corte federale di aver cospirato per rapire il governatore prima delle elezioni del 3 novembre per reagire a quello che consideravano il suo “potere incontrollato”, secondo una denuncia federale. Altri sette estremisti legati a un gruppo paramilitare chiamato Wolverine Watchmen sono stati incriminati dal tribunale statale per aver presumibilmente cercato di assaltare il Campidoglio del Michigan nel tentativo di provocare una “guerra civile”. I due gruppi si sono formati insieme e hanno pianificato “vari atti di violenza”, secondo la polizia di stato.

Gli appostamenti per il complotto del rapimento sono avvenuti ad agosto e settembre, secondo un affidavit dell’FBI, e quattro degli uomini avevano programmato di incontrarsi mercoledì per “effettuare un pagamento per acquistare esplosivi e scambiare equipaggiamento tattico”. L’FBI ha citato uno degli uomini che accusava Whitmer di “non avere affatto controlli ed limiti. In questo momento – ha detto l’estremista – ha un potere incontrollato. Tutte le cose belle devono finire”.

Le autorità hanno spiegato che i complotti sono stati fermati con il lavoro di agenti sotto copertura e informatori. Gli uomini sono stati arrestati mercoledì sera. I sei accusati in tribunale federale rischiano l’ergastolo se condannati. Le accuse di terrorismo di stato che gli altri sette uomini devono affrontare portano una possibile condanna a 20 anni.

“PAROLE DI TRUMP ISPIRANO ESTREMISTI” – Ore dopo che la polizia ha sventato il complotto per rapirla, la governatrice del Michigan Gretchen Whitmer ha sostenuto pubblicamente che le parole del presidente Donald Trump sono state un “grido di battaglia” per gli estremisti.

Whitmer, democratica, ha detto che il presidente repubblicano ha trascorso gli ultimi sette mesi della pandemia di coronavirus “negando la scienza, ignorando i propri esperti di salute, alimentando sfiducia, fomentando rabbia e dando conforto a coloro che diffondono paura, odio e divisione“. Ha stigmatizzato i commenti del dibattito di Trump, quando non ha condannato i gruppi della supremazia bianca e ha detto a un gruppo estremista di estrema destra di “stare indietro e stare a guardare “.

“I gruppi di estremisti hanno ascoltato le parole del presidente non come un rimprovero, ma come un grido di battaglia“, ha detto Whitmer. “Quando i nostri leader parlano, le loro parole contano. Hanno un peso. Quando i nostri leader si incontrano, incoraggiano o fraternizzano con i terroristi, legittimano le loro azioni e sono complici. Quando alimentano e contribuiscono all’incitamento all’odio, sono complici

Nella denuncia penale non c’è alcun indizio che gli uomini arrestati siano stati ispirati da Trump. Le autorità, inoltre, non hanno dichiarato pubblicamente se i potenziali rapitori si siano ribellati alle misure di Whitmer sul coronavirus, che hanno ridotto drasticamente le attività e la libertà di movimento delle persone nel tentativo di rallentare la diffusione del virus.

Il democratico Joe Biden ha cercato di legare anche Trump al complotto, ricordando il tweet del presidente all’inizio di quest’anno “Liberare il Michigan!”. Quando la governatrice Whitmer ha lavorato per proteggere il suo stato da una pandemia mortale, il presidente Trump ha lanciato un appello – scrivendo – “LIBERATE IL Michigan!”. Quella chiamata è stata ascoltata. Sta dando ossigeno al fanatismo e all’odio che vediamo in marcia nel nostro paese – dobbiamo fermarlo”, ha scritto su Twitter il candidato alla Casa Bianca.