Continua la querelle politico-organizzativa sui fuochi d’artificio che, sul lungomare di Ostia, avrebbero dovuto salutare l’estate e, come  ha detto il grillino Paolo Ferrara per una ‘coincidenza’, sarebbero stati sparati a poche centinaia di metri dal ristorante che ieri sera ha ospitato la cena elettorale del Movimento. Lo spettacolo pirotecnico pagato 28mila euro con gli ultimi fondi destinati alla cultura del decimo municipio sono stati annullati per ‘un forte moto ondoso’, anzi rinviati a data da destinarsi.

Giusto in tempo per i partecipanti alla cena di mettersi comodi al tavolone del ristorante Zi Catarì che la presidente del decimo municipio, Giuliana Di Pillo, annuncia: “Lo spettacolo pirotecnico previsto alla Fontana dello zodiaco non potrà svolgersi in quanto le condizioni del mare non lo consentono. Non viene però annullato, ma rimandato a un’altra data che verrà comunicata quanto prima”. Telesforo Morsani, titolare dell’impresa che si è aggiudicata la gara con affidamento diretto, assicura: “Abbiamo dovuto desistere per le onde alte un metro, la Capitaneria di porto ha detto che in queste condizioni non ci avrebbe autorizzati. Siamo qui a lavorare dalle 7, ma non posso mettere a repentaglio la sicurezza dei miei dipendenti”. Giuseppe Strano, comandante della Capitaneria di porto, smentisce di aver posto il veto: “C’era un forte moto ondoso, ma è stata la ditta a decidere in assenza di un sito alternativo». Sui social si scatena l’ironia tra chi evoca «il complotto meteo-marino”.

Il complotto meteorologico non ha convinto tutti, a cominciare da Monica Picca, capogruppo della Lega nel parlamentino lidense, che ha annunciato una interrogazione in municipio e che ieri sera si è recata sul lungomare con smartphone alla mano per documentare le condizioni meteo e lo stato ondoso del mare: “Il mare è piatto, è piatto! L’onestà, la trasparenza tanto dichiarata dai cinquestelle è naufragata con le zattere che dovevano essere utilizzate per i fuochi d’artificio”. Anche i commenti dei residenti sotto il post di Di Pillo lo dimostrano: “Non capisco questa motivazione, io abito fronte mare e di agitato non c’è nulla, è una tavola, forse di agitato c’è altro”, “Ma quali condizioni avverse, il mare è calmissimo”, scrivono alcuni cittadini.

Il mare, almeno quello delle polemiche, resta agitato. “Per giorni si sono intestarditi con la loro tipica arroganza respingendo le critiche sacrosante, salvo poi annullare tutto all’ultimo minuto con la scusa del mare mosso che ha fatto ridere tutti i lidensi, visto le reali condizioni meteo”, ha commentato Andrea Bozzi, candidato Presidente della lista civica ‘Calenda Sindaco’. Il caso ha scatenato un’interrogazione parlamentare e infine un esposto alla Corte dei Conti firmata da tutte le opposizioni: Lega, Sinistra italiana, Pd, lista Calenda sindaco. L’ultimo in ordine di tempo è Dario Nanni, referente di Azione, candidato al Consiglio comunale, come Andrea Casu, segretario romano del Pd in corsa per le suppletive alla Camera di Primavalle, hanno annunciato la presentazione di una interrogazione parlamentare. Monica Picca che per la Lega correrà per la presidenza del decimo municipio, porterà il caso in Parlamento, mentre Sinistra Italiana ha già scritto al Prefetto.

La cena elettorale per Virginia Raggi, invece, si è svolta regolarmente. Raggi arriva accolta da un poster gigante che la ritrae assieme al leader M5S, Giuseppe Conte che al contrario di ciò che era stato annunciato, non si è visto. Accelera il passo e schiva i cronisti senza rilasciare dichiarazioni. All’ingresso vengono distribuite mascherine gratuite, mentre la maglietta con il suo ritratto costa 10 euro. Sold out le 200 prenotazioni, 26 euro a persona con pagamento elettronico o 28 in contanti per antipasto di mare, bufala affumicata, risotto alla pescatora e torta mimosa. E però, secondo gli organizzatori, i partecipanti sono soltanto 130. Molti i fedelissimi della squadra grillina in Campidoglio, ma dei big non c’è traccia. “Non vogliamo e non possiamo permettere che a Roma si torni a un passato di debiti, corruzione, immobilismo. Per questo è importante dare continuità al lavoro che abbiamo svolto in questi anni”, ha scritto Raggi in un post su Instagram con numerose foto che ritraggono la serata. Molti della squadra grillina in Campidoglio, ma dei big non v’è stata traccia.

Riccardo Annibali