Il Piemonte è Zona Rossa dall’adozione dell’ultimo dpcm. Dalla misura governativa che ha organizzato l’Italia per fasce di rischio. Non sono mancate le polemiche. La Regione, tuttavia, è stabilmente tra le prime per nuovi positivi. Alberto Cirio, il Presidente, auspica che i parametri potrebbero portare già da venerdì il Piemonte in Zona Arancione. Resta però una preoccupazione. “Noi vogliamo vivere un Natale normale – ha continuato Cirio – ma se immaginiamo di vivere il Natale così come qualcuno ha vissuto le settimane dell’estate, noi a gennaio-febbraio torneremo in questa situazione e non possiamo permetterlo”.

Cirio ha quindi dichiarato di condividere l’appello all’unità e alla coesione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Continuare a guardare indietro – ha detto – per cercare i colpevoli non aiuta a uscire dal problema. Noi dobbiamo guardare avanti, unirci, perché solo insieme usciamo da questa crisi”. Sul meccanismo delle fasce e sui parametri: “Io credo che i parametri debbano essere oggettivi e scientifici al 100%, degli automatismi. Io da venerdì sono potenzialmente in zona arancione, lo so io e lo sanno i miei cittadini che sanno che il 30 di novembre se avremo mantenuto questi dati potremo uscire dalla zona rossa e avere una prospettiva diversa”.

“Questo automatismo è utile perché ci permette prudenza e senso di responsabilità, nello stesso tempo però deve essere molto ben percepito. Quello che le Regioni chiedono al Governo è di creare un meccanismo che sia facilmente comprensibile anche da parte dell’opinione pubblica – ha aggiunto il governatore aggiungendo che le due settimane che servono per cambiare fascia “sono necessarie. È una cosa buona dell’automatismo. È giusto, vuol dire consolidare un dato. Le Regioni chiedono di semplificare i 21 dati in modo che siano più percepibili da parte dei cittadini. I cittadini se percepiscono i criteri con i quali vengono giudicati i territori aumentano la responsabilità personale”.

L’EMERGENZA – Secondo l’ultimo bollettino, i nuovi positivi nella Regione sono stati 2.606 su un totale di 16.131. Il totale dall’inizio della pandemia è di 131.547 contagiati e 131.547 deceduti. Gli attualmente positivi nella Regione sono 73.786, 5.150 i ricoverati con sintomi, 384 in terapia intensiva, 68.252 in isolamento domiciliare. Ieri il Piemonte era quarto per numero di nuovi contagi nelle ultime 24 ore.