Il popolo “anti dittatura sanitaria” è scesa ancora una volta in pazza. Questa volta con numeri inferiori rispetto al fine settimana scorso, ma con la stessa contrarietà allo strumento messo in campo dal Governo che entrerà in vigore dal 6 agosto. Da Milano passando per Aosta, Bologna, Genova, Torino, Verona, Firenze, Napoli fino a Roma, i no green pass hanno animato le piazze di tutta Italia al grido “Libertà”.

Da Nord a Sud centinaia di persone hanno sfilato per le vie centrali in cortei non autorizzati: nessun preavviso ufficiale neanche stavolta, tutto corre sui social, ma il tam tam (a volte amplificato anche da movimenti di estrema destra o centri sociali) ha raggiunto l’obiettivo.

C’è chi ha bruciato la mascherina sul palco, chi ha marciato intonando l’inno d’Italia e non sono mancati gli insulti ai giornalisti, “rei” di trasmettere disinformazione. L’organizzazione è partita come di consueto dal web e poi le piazze si sono riempite di persone, poche con la mascherine a coprire il volto nonostante gli assembramenti.

A Genova un migliaio di manifestanti hanno improvvisato un corteo, non autorizzato, per le vie del centro città partendo da piazza De Ferrari. Pesante la contestazione all’indirizzo dei giornalisti presenti ai quali sono state lanciate delle monetine. I cronisti hanno ricevuto minacce e insulti da una frangia del corteo. “Pennivendoli, andate a vendervi. Fate un mestiere onesto”, alcune delle urla all’indirizzo dei giornalisti.

Manifestazione non autorizzata anche in piazza della Signoria, a Firenze: secondo la questura, hanno partecipato circa 400 persone e una trentina, identificati dalla Digos, saranno denunciati per manifestazione non preavvisata.

Centinaia sono scesi in centro anche a Milano, Roma, Torino e Napoli: in 600 anche a Trento dove famiglie con bimbi al seguito si sono mossi per le vie del cuore della città. “La violenza fisica e verbale non è mai giustificata a prescindere dai motivi per cui si scende in piazza. Le minacce? I cretini purtroppo sono in servizio permanente effettivo. Se ci sono 10mila persone in piazza il 31 luglio, vanno capite”, dice il leader della Lega, Matteo Salvini, intervenuto a ‘In Onda’ su La7 dalla festa di Milano Marittima della Lega. “Non penso che siano no vax, fascisti. Chiedono diritti e il dovere della politica è ascoltarli. Siamo in democrazia fino a prova contraria, ma no alla violenza”.

Giornalista professionista e videomaker, ha iniziato nel 2006 a scrivere su varie testate nazionali e locali occupandosi di cronaca, cultura e tecnologia. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Tra le varie testate con cui ha collaborato il Roma, l’agenzia di stampa AdnKronos, Repubblica.it, l’agenzia di stampa OmniNapoli, Canale 21 e Il Mattino di Napoli. Orgogliosamente napoletana, si occupa per lo più video e videoreportage. E’ autrice del documentario “Lo Sfizzicariello – storie di riscatto dal disagio mentale”, menzione speciale al Napoli Film Festival.