Evasione da film ieri nel carcere romano di Rebibbia. Due detenuti hanno segato le sbarre della cella, si sono calati nel cortile con una corda ricavata probabilmente da un tubo di tela del sistema antincendio e hanno scavalcato il muro di cinta per poi darsi alla fuga. Si tratta di Lil Ahmetovic, 46enne croato, e Davad Zukanovic, 40enne nato ad Olbia. Il primo in carcere per ricettazione e false dichiarazioni di identità a pubblico ufficiale, il secondo per furto, riciclaggio, estorsione, falso materiale e falso ideologico in atto pubblico.

La fuga sarebbe avvenuta nella notte. L’allarme è scattato ieri mattina e subito sono partite le ricerche. Sotto la lente le baraccopoli della Capitale, stazioni, aeroporti e caselli autostradali della città. L’evasione ha sollevato polemiche da parte di Lega, Fratelli d’Italia e dei sindacati di polizia penitenziaria.