Una serie di video che mostrano la tragedia avvenuta sul set di ‘Rust’. Sono quelli diffusi dall’ufficio dello sceriffo della contea del New Mexico che indaga sulla morte di Halyna Hutchins, direttrice della fotografia della pellicola prodotta e interpretata dall’attore Alec Baldwin.

Tra questi c’è un filmato in cui si vede Baldwin che tira fuori una pistola e la punta verso la macchina da presa. Baldwin ha sempre sostenuto di non aver premuto il grilletto della pistola che ha ucciso la 42enne Hutchins. In un altro video invece viene ripreso l’attore che, sconvolto, viene informato all’interno dell’ufficio dello sceriffo, apprende della morte della direttrice della fotografia.

Inchiesta che al momento resta aperta, come confermato dallo sceriffo Adan Mendoza: si aspettano i risultati dell’analisi balistica e forense dell’FBI, nonché degli studi sulle impronte digitali e Dna.

Tra il materiale diffuso dalla polizia ci sono anche le registrazioni delle bodycam fatte dalla polizia all’arrivo sul set dove i medici si stavano prendendo cura dei feriti, tra cui il regista Joel Souza.

In uno dei video inoltre si nota Baldwin, chiaramente agitato, parlare al telefono sul set del film e dire: “Non hai idea di quanto tutto quello che sta succedendo sia incredibile e strano”. Sempre Baldwin spiega anche che sul set non c’erano stati in precedenza problemi con le armi.

Interrogato nell’ufficio dello sceriffo l’attore invece spiegherà la sua prima versione dei fatti: “Ho estratto la pistola lentamente, l’ho girata, l’ho caricata. Bang. Parte il colpo. Lei cade a terra. Lui inizia a urlare”. Come emergerà soltanto successivamente, quel 21 ottobre l’arma ‘da scena’ utilizzata dalla sta di Hollywood era carica e sparò con proiettili veri.

Redazione