Il futuro di Giuseppe Conte come futuro leader del Movimento 5 Stelle è in bilico? È la possibile conseguenza della decisione presa questa mattina dalla corte d’Appello di Cagliari, con i giudici che hanno dichiarato inammissibile il reclamo presentato del reggente pentastellato Vito Crimi contro la nomina di un curatore speciale per il Movimento dopo la causa intentata dalla consigliera regionale Carla Cucci, espulsa e poi reintegrata dai grillini.

Una decisione importante perché a questo punto verrà chiesto il via libera per procedere ad eleggere il comitato direttivo del Movimento, istituito in base al nuovo statuto votato su Rousseau, mettendo in discussione quella che era apparsa la ‘scontata’ ascesa al potere grillino di Giuseppe Conte.

Crimi, per evitare questa possibilità, si era opposto alla decisione del tribunale cagliaritano di nominare un rappresentante legale, ritenuta non più valida la reggenza del capo politico attuale.

La decisione della Corte cagliaritana è accolta con favore dagli avvocati che tutelano la consigliera regionale Carla Cuccu, Lorenzo Borrè e Patrizio Rovelli: “Il collegio ha accolto la nostra eccezione di inammissibilità del reclamo di Crimi, eccezione fondata su una giurisprudenza granitica, come evidenziato nell’ordinanza”. “Ora – spiegano i due avvocati – confidiamo che il M5s proceda alla nomina del nuovo legale rappresentante e che questi prenda atto della illegittimità dell’espulsione di Cara Cuccu, come già riconosciuto in via cautelare dal tribunale di Cagliari”.

Gli avvocati quindi chiederanno alla procura del Capoluogo isolano di sollecitare i vertici del Movimento 5 Stelle affinché venga indetta la consultazione online, non è chiaro su quale piattaforma, visto il divorzio con Rousseau, per l’elezione dei cinque membri del direttivo.

Una decisione che avrà sicuramente un suo peso nella battaglia economica in corso proprio tra l’Associazione Rousseau e Il Movimento 5 Stelle tra debiti del ‘partito’ nei confronti di Casaleggio & Co.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia