La società AstraZeneca ha annunciato un taglio delle dosi in consegna in settimana all’Italia. Un taglio anticipato alle Regioni che si aggirerebbe intorno al 15%. L’argomento sarebbe oggetto di dibattito alla Conferenza Stato Regioni in corso queste ore e cominciata questo pomeriggio. Non è stato chiarito se il taglio interesserà solo la prossima settimana o anche altre settimane. A fronte delle 566mila dosi di vaccino promesse per questa settimana, AstraZeneca ne ha consegnate all’Italia 506mila, il 10,6% in meno, ha intanto appreso Lapresse da fonti del commissario per l’emergenza.

“Gravissima la riduzione improvvisa della consegna di vaccini Astrazeneca. Noi ce la stiamo mettendo tutta, ma con questa incertezza è tutto più difficile. L’Italia tuteli gli interessi nazionali e le programmazioni delle Regioni, intanto prepariamoci alla produzione di vaccini validati da Ema e Aifa da parte delle nostre aziende”, ha scritto in un post su Facebook, il presidente della Regione Lazio e segretario del Pd Nicola Zingaretti.

“Lo stillicidio dei tagli alle forniture da parte delle aziende produttrici è molto grave! Oggi l’annuncio di Astra Zeneca che riduce del 15% la fornitura all’Italia. E’ una situazione insostenibile che mette in difficoltà tutte le regioni impegnate nelle campagne vaccinali”, ha dichiarato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, la Regione più colpita dal covid-19. “Il presidente Draghi – ha aggiunto Fontana – faccia sentire la sua autorevole voce in Europa per tutelare gli interessi nazionali e la campagna vaccinale delle Regioni. Bisogna garantire al più presto la stabilità delle forniture perché i nostri cittadini hanno diritto di conoscere i tempi della programmazione della somministrazione dei vaccini”.

Il totale dei vaccinati dall’inizio della campagna in Italia è dell’1.327.332, pari al 2,20% della popolazione. La campagna è entrata nella seconda fase. La prima ha interessato gli operatori sanitari e ospiti delle Rsa. Il bollettino diffuso dal ministero della Salute questo pomeriggio sull’emergenza coronavirus, sui dati delle ultime 24 ore si registrano 14.931 nuovi casi con 306.078 tamponi e 251 vittime; il tasso di positività oggi scende al 4,87%. Ieri si erano registrati 15.479 casi con 297.128 tamponi (il tasso di positività era al 5,2%) e 353 morti.