Le dimissioni di Nicola Zingaretti scuotono fortemente gli equilibri politici e fanno affondare il Partito democratico, che nel consueto sondaggio Swg per La7 del lunedì passa da essere la seconda forza italiana addirittura al quarto posto, scavalcato da Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia. Al Nazareno si registra un -1,9% nei consensi, un tonfo senza precedenti che ha già fatto partire una riflessione interna al partito – al momento guidato dalla sindaca di Marzabotto Valentina Cuppi – e fermo al 16,6%.

In cima alle preferenze elettorali degli italiani resta stabilmente la Lega, che guadagna uno 0,1% rispetto alla rilevazione di una settimana fa e si porta al 23,5% delle preferenze. Il secondo posto, occupato fino ad ora dal Pd, viene preso dal Movimento 5 Stelle, che ha contro-sorpassato Fratelli d’Italia assorbendo in buona parte gli elettori delusi dai dem: i pentastellati guadagnano infatti l’1,4% e si portano così al 17,2%, mentre Conte e Grillo discutono di un ruolo dirigenziale per l’ex premier all’interno del partito che potrebbe portare a un’alleanza consolidata col Pd. L’ex avvocato del popolo dovrebbe presentare le sue proposte per il rilancio dei pentastellati, basate sulla svolta ecologista, anche se restano sullo sfondo i problemi con Davide Casaleggio e le sue richieste economiche al Movimento, il ruolo futuro della piattaforma Rousseau, prossima a scendere in campo in maniera autonoma, e il giudizio sul governo Draghi.

Piccolo passo indietro per Giorgia Meloni, che perde lo 0,2% in sette giorni e si attesta al 16,8%, appena sopra i dem. Al quinto posto si conferma Forza Italia, stabile anche nei numeri: guadagna lo 0,1% come la Lega e si porta al 7% delle preferenze degli italiani. Segue Azione, la formazione politica di Carlo Calenda, che indietreggia di 0,2 punti e col 3,7% dei consensi è la sesta forza del Paese.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.