Una passerella in scooter, girando anche contromano per le strade del quartiere, stoppata dal blitz improvviso degli agenti del Commissariato di Pianura, impegnati in queste ore per le elezioni ma prontamente intervenuti dopo aver riconosciuto “persone sospette” scorazzare anche a velocità sostenuta.

E’ quanto accaduto nel pomeriggio di sabato 24 settembre nel quartiere alla periferia occidentale di Napoli. Tre gli scooter in questione sorpresi contromano in via Comunale Catena da quattro poliziotti impegnati a quell’ora nel servizio d’ordine nei pressi delle scuole seggio elettorale.

Gli agenti del locale Commissariato, guidati dal primo dirigente Arturo De Leone e dall’ispettore Ernesto Lepre, sono riusciti a bloccare due dei tre scooter dopo aver riconosciuti gli occupanti: persone “già note” e riconducibili al gruppo malavitoso dei Calone-Esposito-Marsicano che, nonostante il ridimensionamento avuto nel recente blitz di metà luglio, continua a gestire gli affari illeciti, spaccio di droga in primis.

Trovati senza armi e droga, i quattro (tre uomini e una donna) sono stati denunciati per violazione delle norme del codice della strada. Un intervento quello degli agenti che conferma le continue, costanti, fibrillazioni presenti a Pianura nelle ultime settimane.

Dopo un periodo di calma apparente dopo gli oltre trenta arresti di due mesi fa, la criminalità organizzata è tornata nuovamente alla ribalta con stese e raid intimidatori nei pressi delle abitazioni di esponenti avversi al clan Calone-Esposito-Marsicano.

Ne sa qualcosa Enzo Romano, 46 anni, fratellastro di Salvatore Marfella (figlio del superboss Giuseppe Marfella ed elemento apicale del clan Pesce-Marfella condannato a più ergastoli) scarcerato due settimane fa dopo quasi sei anni di carcere. 

L’uomo è barricato nella sua abitazione che, ironia della sorte, si trova nelle traverse di via Napoli, in quello che per gli investigatori è considerato il fortino del clan Calone-Esposito-Marsicano. Nei giorni scorsi il 46enne  ha ricevuto più di qualche avvertimento da parte del nuovo gruppo avverso ai Carillo-Perfetto che hanno provato invece a portare avanti le attività di spaccio del clan Pesce-Marfella.

Oltre alle stese registrate dove abita Romano, nella notte del 23 settembre ignoti hanno esploso diversi colpi d’arma da fuoco nei pressi di una base di spaccio che si trova in via Escriva, nella zona denominata Case gialle. In quella circostanza i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Bagnoli hanno trovato due bossoli calibro 12 a terra e un foro di proiettile nella finestra di un’abitazione all’altezza del civico 123.

 

Avatar photo

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.