Il rapper Fedez è stato operato presso l’ospedale San Raffaele di Milano. Il cantante aveva annunciato in una ‘story’ su Instagram che martedì sarebbe stata “una giornata importante. Grazie a mia moglie che è sempre al mio fianco giorno e notte, grazie alla mia famiglia, ai miei amici che hanno fatto di tutto per tenere alto il morale. Grazie alle nostre due stelle che riescono a creare una magia senza nemmeno rendersene conto e a darmi la forza di affrontare tutto questo”.

Il cantante, come appreso dall’AdnKronos, è arrivato ieri al San Raffaele e in serata è stato sottoposto ad una operazione chirurgica. Fedez resterà ricoverato per la fase post-operatoria e verrà sottoposto a ulteriori esami di approfondimento prima di poter tornare a casa. I prossimi giorni saranno infatti fondamentali per definire con precisione il quadro clinico.

Ad aspettarlo ci sono i figli, Leone e Vittoria, e la moglie Chiara Ferragni. L’influencer su Instagram ha confermato l’operazione in un post per il primo compleanno della figlia Vittoria, postando una foto della famiglia davanti ad una torta rosa: “Buon primo compleanno alla nostra Vittoria. Abbiamo scattato queste foto Domenica, con qualche giorno in anticipo, perché sapevamo che oggi papà sarebbe stato in ospedale (ma sarà presto a casa) . Ti amiamo alla follia patata”, ha scritto sul suo profilo seguito da oltre 26 milioni di persone.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

Nei giorni scorsi il rapper aveva annunciato sui social di aver scoperto “un problema di salute trovato “per fortuna con grande tempismo, che comporta un percorso. Un percorso importante che dovrò fare e che mi sento di raccontare. Non ora, non in questo momento in cui ho bisogno di stringermi alla mia famiglia, ai miei figli”, aveva scritto Fedez.

Già tre anni fa il rapper 32enne milanese aveva raccontato dei suoi problemi di salute e in un’intervista spiegò che gli era stata trovata la “demielinizzazione, una malattia che in alcuni casi può far far sviluppare la sclerosi multipla.

Redazione