Continuano a salire i casi di contagio in Campania. Nelle ultime 24 ore sono ben 544 i nuovi positivi accertati dopo l’analisi di 7.504. Un dato record, mai registrato dall’inizio della pandemia. In Italia i casi totali di oggi sono 3.678, 31 i morti e 1204 guariti.

C’è una persona deceduta nelle ultime 24 ore in Campania mentre 177 sono i guariti per un totale di 6.895. Negli ospedali la situazione è la seguente: 521 persone ricoverate in reparto ordinario, 52 in terapia intensiva, 7.771 sono in isolamento domiciliare. Il numero degli attualmente positivi è di 8.343.

Sono 52 i posti letto occupati nei reparti di terapia intensiva, in Campania, da pazienti covid positivi, a fronte dei 99 disponibili. Sono i dati del report dei posti letto su base regionale della Regione Campania. I posti di degenza disponibili, in totale, sono 663, di cui, quelli occupati sono 521. Al termine della Fase C, saranno attivati 600 posti letto di degenza, 200 di sub-intensiva e 200 di terapia intensiva.

LA SITUAZIONE A NAPOLI CITTA’ – A Napoli città da lunedì 5 ottobre ad oggi sono stati registrati 400 casi di covid-19 in più. Lo riporta il resoconto periodico del Comune. I residenti attualmente positivi sono 2.922. Di questi, 2.800 sono in isolamento domiciliare. Sono 122 le persone ricoverate in ospedale, di cui dieci in terapia intensiva.

Dei 544 casi di oggi mercoledì 7 ottobre ben 432 positivi riguardano la provincia di Napoli.

LA SITUAZIONE IN TUTTE LE PROVINCE – Su 15.707 casi di positività totali dall’inizio dell’emergenza a oggi, 10.207 sono in provincia di Napoli, di cui 4.709 nel capoluogo partenopeo. La seconda provincia più colpita è quella di Caserta con 2.275 contagi. Seguono Salerno (1.723), Avellino (1.004) e Benevento (456).

RSA PORTICI: 58 POSITIVI – La situazione nella casa di riposo Pio XII di Portici (Napoli) è al momento “sotto controllo”. Negli ultimi giorni sono 58 i casi di coronavirus accertati: 42 riguardano gli ospiti, tutti in età avanzata, 16 gli operatori che vi lavorano. “I 42 anziani sono stati tutti isolati anche non presentando sintomi come inappetenza, febbre. La saturazione è nella norma e sono continuamente monitorati”. Queste le parole del sindaco Enzo Cuomo. Oltre alle 41 persone in isolamento all’interno della struttura, c’è un solo paziente, considerato il “caso zero”, ricoverato con lievi sintomi al Covid center di Boscotrecase. I 16 operatori sono invece in isolamento domiciliare.

“Si sta procedendo a una bonifica della struttura – fa sapere il primo cittadino, riportando le comunicazioni ricevute dalla direzione della casa di riposo – sono stati creati percorsi di pulito/sporco, si stanno utilizzando tutti i dispositivi di protezione individuale adatti a far fronte all’emergenza e gli operatori in servizio hanno dato al momento la disponibilità di lavorare 24 ore. Nel frattempo la struttura si è adoperata affinché delle cooperative possano fornire nuovo personale”.

Tra i pazienti ospitati c’è anche un’anziana di 102 anni tra gli ospiti della casa di riposo Pio XII di PORTICI (Napoli) risultati positivi al Covid-19. La donna, secondo quanto apprende l’agenzia Dire da fonti qualificate dell’Asl Napoli 3 Sud, non presenta sintomi ed è in isolamento all’interno della struttura.

ASL CERCA COVID HOTEL – I contagi familiari aumentano e l’ASL Napoli 2 Nord cerca due hotel, uno sulle isole di Ischia e Procida e l’altro sulla terraferma, per ospitare i pazienti positivi al COVID asintomatici. Le due strutture saranno uguali per caratteristiche, ma differenti per dimensione, quella delle isole dovrà avere una dimensione compresa tra le 20 e 40 camere; quella della terraferma dovrà garantire tra le 30 e le 60 camere. Entrambi gli hotel dovranno avere per ciascuna camera bagno, tv e telefono; dovranno essere facilmente raggiungibili e garantire l’accesso ai disabili.

La necessità di dotarsi di due strutture simili per ospitare i pazienti COVID19 asintomatici o con sintomi lievi è frutto di una valutazione epidemiologica che ha evidenziato come sia estremamente frequente il contagio familiare in contesti in cui il bagno è unico e non vi sono spazi utili per garantire l’isolamento. Questa soluzione, inoltre, permette di non dover occupare i reparti ospedalieri con pazienti positivi al COVID19 che hanno superato la fase acuta, ma non possono essere dimessi in ragione della residua positività. I Covid hotel possono rappresentare una soluzione ottimale per ridurre le occasioni di contagio, liberare posti letto negli ospedali e assicurare una migliore qualità di soggiorno ai pazienti positivi.

I contratti che l’ASL stipulerà con gli hotel avranno la durata di 6 mesi e, in caso di necessità potranno essere rinnovati per un periodo analogo. Il bando è consultabile sul sito dell’ASL Napoli 2 Nord all’indirizzo www.aslnapoli2nord.it/covidhotel, tutta la documentazione dovrà pervenire via Posta Elettronica Certificata all’indirizzo protocollo@pec.aslnapoli2nord.it per informazioni è possibile inviare una mail ad affarigenerali@aslnapoli2nord.it