La Cina ha annunciato che nella città di Wuhan, epicentro del coronavirus, e nella provincia circostante dell’Hubei, non sono stati registrati nuovi casi di contagio dall’inizio dell’epidemia. “Oggi abbiamo visto l’alba dopo tanti giorni di duro sforzo”, ha dichiarato Jiao Yahui, ispettore senior della National Health Commission. Sono stati invece 34 i casi di positività arrivati dall’esterno (arrivando a 139), l’incremento giornaliero più grande nelle ultime due settimane.

Secondo Jiao il “doppio zero”, arrivato dopo giorni di diminuzione del numero di contagiati, significa che il controllo e i metodi di trattamento medico imposti dal governo hanno funzionato bene. Nelle ultime 24 ore sono stati complessivamente otto i morti, tutti a Hubei: il bilancio delle vittime sale così a 3245. Attualmente in Cina sono circa 81mila i casi di infezione, ma sono solo 7.263 le persone ancora malate di coronavirus.

Anche per questo le autorità locali hanno deciso di ‘allentare’ la quarantena nelle zone a infezione zero, permettendo ai cittadini “attività personali”. Per quanto riguarda l’Hubei, provincia di cui Wuhan è capoluogo, sarà permesso a certe condizioni l’ingresso dall’esterno.

LA SITUAZIONE IN ITALIA – E’ stazionario il trend dei contagiati da Covid-19 in Italia. Lo ha afferamto Angelo Borrelli, commissario straordinario e numero uno della Protezione Civile, nella conferenza stampa di mercoledì. “Sono 2648 le persone oggi in Italia risultate positive al coronavirus, un trend sostanzialmente stazionario che porta il totale degli attualmente positivi in Italia a 28.710”.

E’ record invece di guariti nelle ultime 24 ore: sono 1084 dopo essere risultate positive al coronavirus. “Un numero importante, un incremento del 37% rispetto a martedì” ha dichiarato Borrelli nel consueto punto stampa. Il totale dei guariti è dunque salito a quota 4025.