L’attivismo di Enrico Letta, nuovo segretario del Partito democratico, inizia a portare i frutti sperati in casa Nazzareno e stabilizza il Pd nei sondaggi. Secondo l’ultima elaborazione Swg per La7, i dem fanno un balzo in avanti di 1,6 punti e si portano al 19% dei consensi degli elettori.

Si assottiglia il distacco dalla Lega, che rispetto alla rilevazione della scorsa settimana perde lo 0,9 e adesso si attesta – sempre come prima forza del Paese – al 23,3%. Chiude il podio il Movimento 5 Stelle, che continua la battaglia per il terzo posto con Fratelli d’Italia. I grillini avanzano di mezzo punto e si portano al 17,5%, davanti al partito di Giorgia Meloni fermo al 17,1%.

Quinta forza del Paese si conferma stabilmente Forza Italia, al 6,7%, seguita da Azione al 3,4%. Italia Viva di Matteo Renzi supera col suo 2,3% Mdp Articolo 1 di Bersani e Speranza, fermi al 2,1%. Prosegue la caduta libera di +Europa, rimasta senza leadership dopo le dimissioni di Emma Bonino e Benedetto Della Vedova: -0,8%, calo che porta il partito appena all’1,2% nelle preferenze degli italiani.

La rilevazione Swg si è poi spostata sulla campagna vaccinale, chiedendo al campione se – quando sarà possibile – si farà inoculare il farmaco, indipendentemente da quale esso sia: soltanto l’11% degli intervistati ha detto di non volersi vaccinare, dato che suggerisce una fiducia consolidata degli italiani nei confronti dell’efficacia dei sieri a disposizione per combattere il virus.

Napoletano, Giornalista praticante, nato nel ’95. Ha collaborato con Fanpage e Avvenire. Laureato in lingue, parla molto bene in inglese e molto male in tedesco. Un master in giornalismo alla Lumsa di Roma. Ex arbitro di calcio. Ossessionato dall'ordine. Appassionato in ordine sparso di politica, Lego, arte, calcio e Simpson.