Grima. È ritenuto uno dei suoni più fastidiosi al mondo. Letteralmente è il suono che fanno le unghie su di un vetro. È quel rumore insopportabile di quando ci si arrampica sugli specchi. Sugli specchi ora ci sono, primi fra tutti, il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini e i loro tentativi di scrollarsi di dosso le colpe della strage di Cutro sono veramente insopportabili, uno dei suoni più fastidiosi del mondo. Mentre il capo dello Stato Sergio Mattarella è andato a pregare davanti alle bare dei 64 migranti morti in mare la notte tra sabato e domenica, i due Ministri del Governo Meloni hanno detto di tutto. Ora l’ultima arriva da Salvini che prova a fare il furbo e a defilarsi.

Non so se ci sono precedenti nella storia della Guardia Costiera, se tutelerà in tutte le sedi opportune comprese quelle giudiziarie la propria onorabilità farà solo e soltanto il suo dovere” ha detto il Ministro intervenendo all’incontro “Infrastrutture e cultura: il ruolo del porto per lo sviluppo di un territorio” in programma al porto di Palermo. Bene, il tentativo di sfilarsi è chiarissimo. Salvini ci prova, fa il furbo e dice chiaramente che dovrà essere la Guardia Costiera a tutelarsi dalle accuse che si rincorrono in questi giorni. Ma la Guardia Costiera dipende proprio da lui. Da Matteo Salvini, dal ministero delle Infrastrutture che presiede. E se qualcosa è andato storto, e non secondo ciò che la legge dice di fare quando c’è una barca che sta affondando con a bordo 180 persone a pochi metri dalla costa, la colpa è di Salvini.

La Guardia Costiera risponde agli ordini del Ministro. È ovvio che l’imperativo dove essere: uscite in mare e salvateli. Ma è tragicamente ovvio pure che così non è stato. Stando alle ricostruzioni dei vari enti coinvolti, il primo allarme è stato lanciato alle 5 del mattino di sabato. Cioè quasi 24 ore prima del naufragio. E quando la barca dei migranti era lontana forse un centinaio di miglia dalla costa. A quel punto è scattato il Sar (acronimo di “ricerca e soccorso” oppure “ricerca e salvataggio”, dall’inglese “Search and Rescue“). Il tempo per raggiungere la barca e trarre in salvo chi era a borda c’era.

E c’era tutto il tempo di organizzare un soccorso con mezzi adeguati e personale specializzato nei salvataggi in mare. Ma non è accaduto e il mare ha restituito più di sessanta corpi alla spiaggia di Steccato, con il numero di dispersi che è di oltre trenta persone. Resta da capire perché siano usciti due motovedette della Guardia di Finanza, poi rientrate in porto dopo poco, e non i mezzi della Guardia Costiera? Hanno detto che sono stati informati solo alle prime luci del mattino, che la comunicazione è arrivata solo alle 4.30. Questo si spiega perché quel barcone è stato trattato come “questione di ordine pubblico” (law enforcement) e non è scattata l’operazione Sar. La Guardia Costiera dovrà fornire i dettagli delle comunicazioni che sono avvenute, o che non sono avvenute, quella notte ma dell’allarme che è stato lanciato e degli ordini diramati, o non diramati, dovrà rispondere anche il ministro Salvini.

Avatar photo

Giornalista napoletana, classe 1992. Affascinata dal potere delle parole ha deciso, non senza incidenti di percorso, che sarebbero diventate il suo lavoro. Segue con interesse i cambiamenti della città e i suoi protagonisti.