La gioia per l’accesso alla finale di ‘Gimbo’ Tamberi, la delusione per l’eliminazione della spada a squadre. È una Italia dai due volti quella odierna alle Olimpia di Tokyo 2020, che deve fare i conti con risultati altalenanti.

Nella prima gara dell’atletica olimpica Gianmarco Tamberi, uno dei pochi azzurri che può lottare per una medaglia, si è qualificato per la finale del salto in alto. Dopo un errore a 2.28, ‘Gimbo’ ha superato la misura che gli consente di entrare nella finale per una medaglia in programma il 1 agosto.

“Aspetto questa finale da troppo tempo per non divertirmi. Non vedevo l’ora, ho dato l’anima negli ultimi cinque anni per essere qui, è stata una strada infinita e ora sono qui, pronto per vivere quel giorno che chiamavo sogno e oggi chiamo obiettivo. Sono contento di potermi giocare le mie carte” le parole di Tamberi ai microfoni della Rai. “Non sorrido troppo perché non è stata una bella gara – ha detto l’azzurro – ma l’importante era qualificarsi. I salti sono stati tutti brutti, dal primo all’ultimo, ma l’importante è essere in finale“.

DELUSIONE SPADA – Nessuna possibilità di medaglia invece per la squadra maschile di spada, ennesima delusione della scherma italiana a questi Giochi olimpici. Gli azzurri, argento a Rio 2016, eliminati dalla Russia al primo incontro, valido per i quarti di finale. Marco Fichera, Andrea Santarelli ed Enrico Garrozzo sono stati battuti dai russi per 45-34.

Italia che era avanti fino al quinto match, col risultato di 16-13 dopo il secondo turno di Marco Fichera, incassando però un clamoroso parziale negativo di 27-16 che ha portato alla sconfitta.

A parlare per tutti è Marco Fichera, che lancia accuse pesanti: “Scontiamo un arbitraggio folle, ma bisogna saper vincere anche in queste situazioni. Ci prendiamo critiche e responsabilità, ci stanno bene i “buffetti” in faccia. Ma, ancorché perdenti, non tollereremo altre accuse alla nostra professionalità: questo non sarà più tollerabile”.

BOARI BRONZO – Lucilla Boari è la prima italiana di sempre a conquistare una medaglia, in questo caso di bronzo, nel tiro con l’arco. Decisiva la vittoria per 7-1 nel testa a testa per il podio con la statunitense Mackenzie Brown. La 24enne è arrivata a medaglia superando ai quarti per 6-2 la cinese Wu, poi crollando in semifinale contro la fortissima russa Elena Osipova.

GLI ALTRI RISULTATIMargherita Panziera non riesce a centrare la finale dei 200 dorso. L’azzurra è infatti la prima delle escluse: è nona con 2’09”54, lontana dal suo record personale di 2’05”56. “Mi dispiace – ha detto la campionessa europea – ero senza forze nel finale, non sono al top della forma”.

Dalla pista è invece una piccola impresa la qualificazione in semifinale di Anna Bongiorni  nei 100 metri. L’atleta pisana chiude la sua batteria terza con un tempo di 11”35, trovando l’accesso diretto alla semifinale.

Sempre dalla pista bella prestazione del napoletano Alessandro Sibilio, terzo nella sua batteria dei 400 ostacoli con 49”11. Sibilio agguanta così la qualificazione diretta (nella batteria dominata da Warholm in 48”65) alle semifinali. 

Redazione