Per il vaccino anticovid in Campania “abbiamo individuato 27 strutture ospedaliere”. E’ quanto annuncia, intervistato dal Tgr Campania, Italo Giulivo, coordinatore dell’Unità di Crisi regionale che ha già inviato al ministero della Salute il piano aggiornato per la prima fase della vaccinazione. Le prime dosi di vaccino, a partire da metà gennaio, saranno destinate “al mondo sanitario e delle Rsa“.

“Si tratta – spiega Giulivo – di 160mila persone che faranno il vaccino in due dosi e quindi 320mila vaccini. Abbiamo terminato stamattina una riunione dell’Unità di Crisi per alcuni dettagli e domani ne faremo un’altra con il presidente De Luca”.

Il primo obiettivo della regione Campania è quello “di avere una sanità covid free” aggiunge Giulivo che guarda anche alla seconda fase delle vaccinazioni: “Quando ci allargheremo  a numeri più alti coinvolgendo la popolazione attueremo una nuova strategia in modo da coprire in maniera capillare tutto il territorio per l’erogazione massiva del vaccino. Saranno coinvolte ovviamente le Asl e tutte le aziende ospedaliere, soprattutto nella prima fase, quella del vaccino Pfizer che è molto legato alla catena del freddo e che quindi ha bisogno di frigoriferi a -75 gradi”.

 

Napoletano doc (ma con origini australiane e sannnite), sono un aspirante giornalista: mi occupo principalmente di cronaca, sport e salute.