Un ragazzino di 14 anni accoltellato a Forcella, un 19enne di Casalnuovo (Napoli) colpito da un proiettile alla gamba nel corso di una presunta rapina, vetture bruciate a Pompei e nel quartiere di Ponticelli e colpi d’arma da fuoco esplosi a Giugliano contro un negozio d’abbigliamento per bimbi. E’ il bollettino di sangue di Napoli e provincia reso noto dai carabinieri del Comando Provinciale partenopeo e relativo alla sera di domenica e alla notte successiva. Bollettino che dopo l’addio dell’ex procuratore Giovanni Melillo arrivano con più continuità. Prima Napoli, stando almeno a quanto erano costretti a non riferire le forze dell’ordine, sembrava una tranquilla cittadina svizzera. La realtà, ovviamente, è completamente diversa anche se le istituzioni continuano a firmare “Patti” senza però intervenire concretamente sulla questione.

A Ponticelli i carabinieri della stazione di Poggioreale e vigili del fuoco sono intervenuti in via Comunale Galeone per un trattore e una vettura andati in fiamme. I veicoli, completamente distrutti, sono di proprietà di una coppia di incensurati del posto, lui 59, lei 53 anni. Accertamenti in corso per chiarire origine del rogo. Non si esclude la pista dolosa.

L’episodio più raccapricciante a Forcella, nel centro storico di Napoli, dove domenica sera un 14enne incensurato è stato trasportato al pronto soccorso del Vecchio Pellegrini con alcune ferite da arma da taglio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli. Secondo una sommaria ricostruzione ancora tutta da verificare il giovane sarebbe stato avvicinato in via dei Tribunali da alcuni sconosciuti, forse per un tentativo di rapina. Alla sua reazione lo avrebbero prima preso a pugni e poi ferito con un oggetto appuntito. Sono 21 i giorni di prognosi prescritti per “contusioni multiple per il corpo, ferita da taglio lombare destro ed emitorace sinistro, nonché regione dorsale destra”. Indagini in corso per chiarire dinamica e far luce sulla versione del giovane.

Altra auto bruciata a Pompei dove domenica sera i Carabinieri della sezione radiomobile di Torre Annunziata sono intervenuti in via Don Gennarino Carotenuto per un furgone avvolto dalle fiamme. Il veicolo, di proprietà del titolare di una società di arredamenti di Pompei, era parcheggiato all’interno di un comprensorio industriale ed è stato gravemente danneggiato. Accertamenti in corso per chiarire origine rogo. Non si esclude matrice dolosa.

A Giugliano, sempre domenica sera, verso le 23.30, i Carabinieri della locale Compagnia – allertati dal 112 – sono intervenuti a via Palumbo numero 39. Poco prima ignoti avevano esploso alcuni colpi d’arma da fuoco. Rinvenuti nella serranda del locale Piccoli Passi Outlet 5 fori. Indagini in corso dei Carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania.

Altro giovane ferito, questa volta a colpi d’arma da fuoco, a Casalnuovo dove poco dopo mezzanotte a in via Salice un 19enne del luogo incensurato mentre era a bordo del proprio scooter sarebbe stato avvicinato da ignoti, anche loro su scooter, che lo ferivano alla gamba sinistra con un colpo d’arma da fuoco per poi rubargli l’orologio.
Un passante soccorreva il ragazzo e lo trasportava alla clinica Villa dei Fiori di Acerra. Successivamente il giovane è stato trasferito all’ospedale Cardarelli dove è tutt’ora ricoverato non in pericolo di vita. Indagini in corso da parte dei Carabinieri della Tenenza di Casalnuovo.

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.