Uno nome che circolava già da ieri come possibile ministro dell’Istruzione quello di Giuseppe Valditara, docente ordinario di diritto romano all’università di Torino.

Nome che è stato confermato da Giorgia Meloni al Quirinale, insieme agli altri nomi che comporranno il governo, non appena il Presidente della Repubblica le ha conferito l’incarico di formare il nuovo esecutivo. A cambiare nome è invece il ministero che diventa “dell’Istruzione e del Merito“.

Ma chi è Giuseppe Valditara? Particolarmente apprezzato negli ambienti di Fratelli d’Italia, Valditara è da tempo consigliere di Matteo Salvini, da alcuni etichettato come il nuovo ideologo di riferimento del leader leghista. E proprio con la Lega era candidato il 25 settembre in Lombardia dove però non è stato eletto.

Nato nel capoluogo lombardo nel 1961, si laurea in Giurisprudenza all’Università degli studi di Milano. Con il libro ‘Studi sul magister populi. Dagli ausiliari militari del rex ai primi magistrati repubblicani’ si aggiudica, nel 1992, il prestigioso premio internazionale per la storia delle istituzioni politiche e giuridiche, messo in palio dal presidente della Corte Costituzionale. Attualmente è anche direttore scientifico della rivista Studi giuridici europei. Ed è stato preside dell’ambito di Giurisprudenza dell’Università Europea di Roma.

Nel 1993 entra come giurista nel consiglio direttivo della Fondazione Salvadori, presieduta da Gianfranco Miglio, storico ideologo della Lega Nord. In quel periodo partecipa alla stesura della bozza della Costituzione federale, approvata poi al Congresso di Assago.

Dopo gli esordi nel partito di Umberto Bossi entra nel partito Alleanza nazionale dove, nel 2001, viene eletto senatore per la prima volta. Rieletto in parlamento nelle successive tre legislature, fino al 2013, si occupa del mondo scolastico, fino a essere relatore di maggioranza della riforma dell’università durante il governo Berlusconi, con Maria Stella Gelmini a capo del Ministero dell’Istruzione.

Nell’ottobre 2018, durante il primo governo Conte, viene nominato Capo Dipartimento per la Formazione Superiore e la Ricerca presso il MIUR nel dicastero guidato dal leghista Marco Bussetti, quando l’Istruzione e l’Università erano uniti in un unico dicastero.

Redazione