La fumata bianca dovrebbe arrivare nelle prossime ore: Luca Bernardo candidato sindaco del centrodestra a Milano. Il primario di Pediatria dell’Ospedale Fatebenefratelli è il nome sul quale convergono Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Non c’è l’ufficialità, e non è un dettaglio. A dozzine i nomi associati alla candidatura nella “Capitale morale” negli ultimi mesi. Gabriele Albertini, Giulio Gallera, Alberto Zangrillo, Letizia Moratti, Silvio Berlusconi, Maurizio Lupi, Letizia Morati, Oscar di Montigny e via dicendo.

Il vertice finale per il via libera al candidato si terrà oggi a Roma. Bernardo ha incontrato sia il segretario della Lega Matteo Salvini che la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e ha parlato a telefono con Silvio Berlusconi, fondatore e leader di Forza Italia, che ha dato il suo via libera. “È un profilo di grande umanità, e da madre non posso che avere una passione per un pediatra. Le mie impressioni sono ottime ma serve un confronto con la coalizione”, ha osservato Meloni. “Noi siamo in campo per vincere, non per partecipare. Credo che questa città abbia bisogno di uno slancio diverso, di un’amministrazione che non sia attenta solo al suo splendido centro storico e sappia guardare alle sue periferie e a quei cittadini che in questi anni sono stati dimenticati dall’attuale giunta”.

Bernardo è un medico molto conosciuto in città, dov’è nato nel 1967. Si è laureato all’Università Statale, con doppia specializzazione in Pediatria e in Neonatologia e ha studiato alla Cornell University negli Stati Uniti. Il primo incarico all’Ospedale San Paolo nel 1997. Dal 2005 è al Fatebenefratelli, da direttore del dipartimento Materno-Infantile e della Casa Pediatrica. Dal 2010 è anche direttore ad interim del reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Macedonio Melloni. Fa parte dell’Osservatorio Nazionale per l’Infanzia, della Commissione sul disagio degli adolescenti, della Commissione Unica per la Dietetica e la Nutrizione. Raffaele Cantone lo chiamò all’Anticorruzione (Anac) nel 2017 come esperto in ambito sanitario.

È direttore del Centro di Coordinamento Nazionale Cyberbullismo, autore di diverse pubblicazioni, scrive per diversi periodici e per il quotidiano Libero. Maurizio Bernardo, suo fratello, è stato parlamentare di Forza Italia. Ha lasciato poi il gruppo di Alternativa Popolare per aderire al Partito Democratico. È tornato infine al centrodestra. Il candidato a Milano nel 2006 si candidò nella lista di Letizia Moratti ed ebbe 200 preferenze. “Nel caso sarò il candidato della società civile, non dei partiti”, aveva detto a Il Corriere della Sera. È sposato e ha una figlia. Salvo altri e clamorosi colpi di scena sarà lui a sfidare il sindaco attuale Beppe Sala.

Lega e Forza Italia spingono per la candidatura di Gabriele Albertini, ex sindaco, come numero due. A Roma è stato approvato il ticket tra l’aspirante sindaco Enrico Michetti e la prosindaca Simonetta Matone. A Torino invece il prescelto è stato Paolo Damilano. In Calabria il capogruppo alla Camera dei deputati di Forza Italia Roberto Occhiuto. Ancora da chiarire il nome del candidato del centrodestra Bologna. Meloni ieri ha annunciato intanto l’iscrizione al partito e la candidatura a capolista del fondatore e direttore editoriale del quotidiano Libero Vittorio Feltri.

Giornalista professionista. Ha frequentato studiato e si è laureato in lingue. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo di Napoli del Suor Orsola Benincasa. Ha collaborato con l’agenzia di stampa AdnKronos. Ha scritto di sport, cultura, spettacoli.