Due bambini di 4 e 8 anni, con solo alcune linee di febbre, accompagnati dal padre, sono stati trasferiti a titolo puramente precauzionale, all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori accertamenti. Per il primo dei due, il tampone ha dato esito negativo al test di nuovo coronavirus 2019-nCoV. In corso l’esame sul secondo. Lo rende noto il ministero della Salute.

Intanto questa mattina è atterrato in Inghilterra l’ aereo proveniente da Wuhan con a bordo 200 persone, fra cui otto italiani, evacuate dalla Cina in seguito alla diffusione del coronavirus. Il velivolo è arrivato alla base Raf di Brize Norton, nell’Oxfordshire.

Da qui gli italiani, che dovevano essere nove con Niccolò, lo studente 17enne di Grado, che invece è rimasto bloccato in Cina, perchè ha nuovamente la febbre (già il 3 febbraio scorso non ha potuto volare con gli altri 56 italiani rientrati), verranno trasferiti con un volo militare italiano dall’Inghilterra a Pratica di Mare, poi la quarantena prevista nell’ospedale militare del Celio a Roma. L’arrivo in Italia è previsto per le 13.

Lo studente rimasto in Cina è stato riportato in albergo e “sta bene”, ma non manca la “delusione per l’intoppo – riferisce chi l’ha sentito – Anche i suoi genitori non sono particolarmente preoccupati”. Intanto dallo Spallanzani hanno fatto sapere ieri sera che è negativo il test al quale è stata sottoposta una donna che era in quarantena alla Cecchignola.

È salito a 813 morti, quasi tutti registrati in Cina, il nuovo bilancio dell’epidemia che, con quste cifre, supera a livello globale quello della Sars del 2002-2003 quando morirono 774 persone. Nelle ultime 24 ore sono morte altre 89 persone, segnando un nuovo record consecutivo per il numero di decessi quotidiani. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha tuttavia stimato che il numero di casi di contagio rilevati quotidianamente in Cina si sta stabilizzando, anche se è troppo presto per concludere che l’epidemia ha superato il suo picco.