“L’unico modo per avere una coesione del Movimento 5 Stelle sarà quello di chiedere agli iscritti su Rousseau”. Queste le parole di Davide Casaleggio, presidente dell’associazione Rousseau, arrivato a Roma nelle scorse ore. Sarà dunque la piattaforma tanto cara al partito pentastellato a decidere se appoggiare o meno il premier incaricato Mario Draghi.

Casaleggio potrebbe incontrare nelle prossime ore Beppe Grillo, anche lui nella Capitale. Poi alle 19, il figlio del cofondatore del M5S sarà impegnato nel secondo appuntamento del percorso di formazione ‘Ambasciatori della Partecipazione’, promosso dalla Rousseau Open Academy, assieme ad Enrica Sabatini.

“Ho incontrato diversi parlamentari e ministri qui a Roma. Qualunque sarà lo scenario politico possibile – sottolinea Casaleggio – c’è ampio consenso sul fatto che l’unico modo per avere una coesione del Movimento 5 stelle sarà quello di chiedere agli iscritti su Rousseau”.

Non c’è alcuna conferma, né smentita, invece, su un incontro con Alessandro Di Battista, tornato a far sentire la sua voce critica sul sostegno al governo che sta tentando di comporre il presidente incaricato, Mario Draghi.

Napoletano doc (ma con origini australiane e sannnite), sono un aspirante giornalista: mi occupo principalmente di cronaca, sport e salute.