Al processo che è in corso a Caltanissetta sul depistaggio delle indagini sull’omicidio di Paolo Borsellino e la strage della sua scorta, ieri ha parlato l’avvocato della famiglia Borsellino, Fabio Trizzino, e ha sparato bordate pesantissime contro alcuni Pm, e in particolare contro Nino Di Matteo, cioè il protagonista – seppure sconfitto – del processo sulla cosiddetta trattativa stato mafia, che dopo molti anni di tribolazioni – soprattutto per il generale Mario Mori, risultato poi del tutto innocente – si è concluso qualche mese fa con una bolla di sapone.

Trizzino ha accusato Di Matteo innanzitutto di avere pervicacemente difeso il depistaggio delle indagini sull’uccisione di Borsellino (cioè l’oggetto del processo in corso) condotto attraverso la falsa testimonianza del falso pentito Vincenzo Scarantino, che portò alla carcerazione e alla condanna di diversi innocenti, e al sabotaggio, di fatto, delle indagini sulle piste vere. Ormai – ha detto Trizzino – il danno provocato da questi depistaggi è irreparabile, però è giusto ricostruire come sono andati i fatti.
La parte più severa dell’arringa di Trizzino è stata riservata proprio a Di Matteo, che oggi è un autorevolissimo membro del Csm. Ha detto testualmente Trizzino: «Il Pm Di Matteo nel 2009 fece una dichiarazione sul collaboratore di giustizia Spatuzza senza alcuna competenza. L’elemento incredibile è che Di Matteo, quell’anno, da Pm di Palermo, non aveva alcuna competenza per entrare nei processi Borsellino uno e Borsellino due, a meno che non temesse qualcosa che potesse compromettere la sua carriera professionale. Bisogna avere il coraggio di dirle queste cose.»

Trizzino si riferisce all’intervento dell’epoca di Nino Di Matteo, che si oppose alla richiesta di protezione di Gaspare Spatuzza, pentito molto importante, il quale aveva del tutto smentito la ricostruzione di Scarantino cioè della ricostruzione che fu poi lo strumento del depistaggio. Per quale ragione, si è chiesto l’avvocato Trizzino, Di Matteo “si doveva occupare di dare il proprio parere su Spatuzza? Cosa gli interessava del processo Borsellino uno e del Borsellino bis? Non è questo uno schizzo di fango su Di Matteo, è una analisi critica e non possiamo far finta di niente. Solo perché uno fa il magistrato o il poliziotto non deve parlare? Non ci sto.” Poi Trizzino ha aggiunto: “Il danno provocato dall’incapacità di alcuni magistrati è fatto. Non si può riparare. Quale verità stiamo cercando ora? La ricerca della verità, a mio giudizio, in questo paese è stata affidata a persone che erano in conflitto di interesse”.

L’accusa di Trizzino, cioè della famiglia del magistrato Borsellino è pesantissimo. Conflitto di interesse, per Di Matteo, nelle indagini e nelle richieste del magistrato. Oltretutto Trizzino, oltre ad essere l’avvocato della famiglia è anche il marito di una delle figlie di Paolo Borsellino. Nel processo in corso la questione Di Matteo può anche essere tralasciata, visto che gli imputati sono solo tre poliziotti, perché i giudici hanno deciso di archiviare la posizione di due magistrati che erano stati indagati (non Di Matteo). Però il problema posto da Trizzino è grande come una casa. L’accusa è sanguinosa: conflitto di interesse e sulla base di questo conflitto errore giudiziario clamoroso con conseguenze devastanti per la ricerca della verità. C’è un pezzo di magistratura che ha scommesso tutta la propria credibilità e la propria carriera sull’ipotesi della trattativa stato mafia, ipotesi in contrasto con altre ipotesi, che erano quelle giuste, che però erano state oscurate dal depistaggio.

Può succedere che questa parte della magistratura rinunci a rendere conto, senza che nessuno, tranne la famiglia Borsellino, gliene chieda la ragione? Oggi noi sappiamo di non poter sapere la verità sull’omicidio Borsellino per colpa di un depistaggio sostenuto dalla magistratura inquirente. Vi pare poco? Lo stesso Csm può far finta che le parole di Trizzino non siano mai state pronunciate? La logica dice che o si dimostra che non è vero che Di Matteo chiese di levare la protezione a Spatuzza, e allora che Trizzino ha detto cose non vere, oppure occorre intervenire. Ne va o no della credibilità della magistratura? Qualcuno risponderà a queste domande o ci si affiderà, al solito, solo al sicuro silenzio del grandi giornali amici?

Giornalista professionista dal 1979, ha lavorato per quasi 30 anni all'Unità di cui è stato vicedirettore e poi condirettore. Direttore di Liberazione dal 2004 al 2009, poi di Calabria Ora dal 2010 al 2013, nel 2016 passa a Il Dubbio per poi approdare alla direzione de Il Riformista tornato in edicola il 29 ottobre 2019.