La foto ritrae il medico di spalle in corsia, chiuso ermeticamente nella tuta. Sulle spalle, scritto a pennarello nero, la scritta: “Negazionisti, ngu’l’ a mam’t”. L’insulto non ha bisogno di traduzione ed è la risposta di Gabriele Congedo, medico abruzzese di Giulianova, a tutte le affermazioni dei negazionisti in merito al coronavirus.

Il medico ha deciso di postare su Facebook la fotografia in maniera provocatoria. Poi l’ha tolta ma era già diventata virale, quasi simbolo della seconda ondata. Visto l’incalzare delle affermazioni negazioniste il medico non ce l’ha fatta e gli ha risposto per le rime: “Si prendono gioco di questa terribile pandemia”, ha spiegato al Messaggero.

“Ho espresso il mio pensiero in maniera clamorosa, ma me ne assumo tutta la responsabilità” ha il medico, sottolineando quanto non sia più possibile sopportare scetticismi. “So cosa significa la sofferenza da Covid e non sono più disposto a tollerare”, ha continuato, motivando ancora meglio la scelta di farsi fotografare con una scritta eloquente sulle spalle.