Schianto fatale nella notte, forse a causa del manto stradale bagnato, e per Giuseppe Capodanno non c’è stato niente da fare. Aveva 21 anni. È morto la notte scorsa dopo un grave incidente che si è verificato sull’Asse Mediano, nel napoletano. Ferite nell’impatto anche altre tre amiche che viaggiavano con il giovane.

Erano le 2:30 circa a Giugliano, comune popoloso in provincia di Napoli, quando si è verificato il grave incidente. L’automobile a bordo della quale viaggiava Capodanno si è ribaltata ed è finita sul guardrail. Sul posto sono arrivati i sanitari del 118. Non c’è stato niente da fare però per il 21enne.

Sul luogo dell’incidente sono intervenuti anche i vigili del fuoco che hanno estratto dalle lamiere le tre amiche della vittima. Le loro condizioni non sarebbero gravi, come ricostruisce Napoli Today. Possibile che il ragazzo abbia perso il controllo del veicolo a causa dell’asfalto reso scivoloso dalle piogge che si sono abbattute sul napoletano nel pomeriggio e nella serata di giovedì 9 giugno.

Vi prego a tutti i ragazzi siate prudenti non si può perdere una vita così, lasciare tutti i familiari in un dolore che non si può descrivere, la vita va rispettata bisogna divertirsi ma la prudenza deve essere sempre vista come una missione per se è per gli altri – ha scritto sui social il photoreporter Carlo Capodanno, zio del 21enne – lasciate che i telefonini nel momento della guida vengano messi da parte, i social i messaggi possono aspettare qualche minuto, la vostra assenza in quel momento di guida vi salva la vita a Voi e ad altre persone, la perdita del piccolo Giuseppe non posso essere invana, se i vostri genitori mi massacrano di telefonate per sapere dove siete con chi siete di non correre. Vi prego siate prudenti. La vita è preziosa”.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.