“Siamo molto vivi”, “faremo fare i bagagli a Donald Trump”. Così l’ex vice presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, commentando nella notte i primi risultati delle primarie democratiche del Super Tuesday, ringraziando anche la senatrice del Minnesota Amy Klobuchar, l’ex deputato del Texas Beto O’Rourke e l’ex sindaco dell’Indiana Pete Buttigieg, che gli hanno dato il loro endorsement. Il successo nelle primarie di Biden è “uno dei più grandi ritorni in politica nella storia moderna americana”, ha poi commentato a Cnn la vice responsabile della campagna elettorale di Biden, Kate Bedingfield. “Avete visto una travolgente risposta al messaggio di Biden”. Per lui, ha aggiunto, “la corsa è tenere insieme le persone, unire la gente. Ha portato nella campagna elettorale il messaggio sull’unificazione del Paese”.

L’ex vice presidente Joe Biden incassa la vittoria in otto Stati nelle primarie del Super Tuesday: secondo le proiezioni, vince in Arkansas, Massachusetts, Minnesota, Oklahoma, Alabama, Virginia, North Carolina Tennessee. Il senatore Bernie Sanders è invece in testa in quattro Stati: California, Colorado, il suo Stato Vermont e Utah. La senatrice Elizabeth Warren è arrivata soltanto terza nel suo Stato-feudo, l’ex sindaco Michael Bloomberg ha vinto nelle isole Samoa. Mentre i voti continuano a essere contati, The Associated Press attribuisce 401 delegati a Biden, 323 a Sanders, 33 a Bloomberg, 28 a Warren, uno alla deputata Tulsi Gabbard. I numeri varieranno con l’arrivo di nuovi risultati. Per ottenere la nomination alla convention d’estate del partito democratico sono necessari almeno 1.991 delegati su 3.979. Inoltre Biden si aggiudica la vittoria delle primarie democratiche anche in Texas, il secondo Stato per numero di delegati in palio nel Super Tuesday (228). In più Biden ha vinto in Massachusetts, Arkansas, Minnesota, Tennessee, Alabama, Oklahoma, North Carolina e Virginia. Il senatore Bernie Sanders ha vinto in California, Utah, Vermont e Colorado. Mentre per quanto riguarda il lato repubblicano, Donald Trump ha sbancato con i risultati stravincendo contro gli avversari.

LE REAZIONI –  “Non si può battere Trump con la solita vecchia politica”. Così il senatore Bernie Sanders, commentando nella notte a Burlington, in Vermont, i risultati delle primarie democratiche del Super Tuesday, senza tuttavia citare il principale rivale Joe Biden, ex vice presidente degli Stati Uniti. Sanders ha poi elencato una serie di differenze politiche con Biden a proposito di sicurezza sociale, commercio e sicurezza militare.

Anche in Italia non sono mancate le reazioni per i risultati delle primarie dem. II leader di Italia viva, Matteo Renzi sul suo account facebook ha scritto: “Grande vittoria di Joe Biden nel Super Martedì della politica americana. Vincono i riformisti, non gli estremisti”. “Il grande Joe Biden, alla facciaccia di quello che dicevano, ha creato le condizioni per diventare il candidato dem. Secondo me, può battere Trump”, si è poi espresso ai microfoni di ‘Circo Massimo’ su Radio Capital.