Continua a calare il tasso di positività in Italia dove nelle ultime 24 ore sono stati accertati 6.946 nuovi casi di coronavirus emersi dall’analisi di su 286.428 i tamponi molecolari e antigenici, oltre 150mila più del giorno precedente (130.000) quando i contagi sono stati 5.080. L’incidenza tamponi-positivi scende così al 2,4%, in calo di un punto e mezzo rispetto al 3,9% di ieri. Si tratta del punto più basso da quando a gennaio sono stati conteggiati i test rapidi.

Nel bollettino di martedì 11 maggio sono invece 251 le vittime accertate, in aumento rispetto alle 198 di 24 ore fa. I contagi totali salgono a 4.123.230. I guariti da ieri sono 16.503 (ieri 15.063), per un totale di 3.636.089. In netta diminuzione il numero degli attualmente positivi, 9.811 in meno (ieri -10.184): i malati attuali sono ora 363.859 mentre in isolamento domiciliare 346.866 pazienti.

Negli ospedali la situazione è la seguente: i pazienti ricoverati in terapia intensiva scendono a 2.056, in calo di 102 unità rispetto a ieri. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 14.937 persone (490 meno di ieri).

La regione con più casi è la Campania (+1.109), seguono Sicilia (+894), Lombardia (+788), Puglia (+684), Lazio (+635) e Piemonte (+529).

Sono intanto 24.668.219 i cittadini che hanno ricevuto almeno la prima dose del vaccino anti-covid in Italia (dato aggiornato alle 17.53 dell’11 maggio). Le persone che hanno completato il ciclo vaccinale sono 7.631.025 (pari al 12,88% della popolazione).

Redazione