Non solo Roma. Anche a Latina si procederà al ballottaggio. Il candidato sindaco del centrodestra ed ex esponente di An Vincenzo Zaccheo si è fermato a un 48,5% dei consensi mentre il sindaco civico uscente Damiano Coletta, sostenuto dal Partito Democratico, ha ottenuto il 35,5% dei voti.

Incognita, quindi, su chi vincerà al secondo turno. Forse Coletta spera di replicare il successo di cinque anni fa, quando stravinse al ballottaggio con il 75,05% delle preferenze contro il suo avversario Nicola Calandrini, il candidato sostenuto da Fratelli d’Italia e altre liste, a cui è andato solo il 24,95% dei voti.

Ma in cinque anni, la giunta Coletta non è riuscita a convincere i latinensi, che vedono un’amministrazione immobile sulle storiche problematiche del capoluogo pontino. Anche Zaccheo deve sgomitare per riconquistare la fiducia dei cittadini di Latina, che conoscono già il candidato del centrodestra. L’ex parlamentare di An è infatti stato già sindaco per due consiliature. Ma adesso vuole tentare il colpo dopo aver corteggiato per mesi i leader nazionali del centrodestra. Tuttavia, alle amministrative non ha ottenuto il risultato sperato: le liste del centrodestra hanno preso molti più volti del candidato sindaco, costringendolo così al ballottaggio. Sarà quindi una sfida giocata all’ultimo voto. A pesare, infatti, la maggioranza del centrodestra che siederà in consiglio comunale.

Ballottaggio nei vari comuni del Lazio

Anche nei principali centri del Lazio si procede al ballottaggio, fatta eccezione della vittoria già assicurata per due sindaci uscenti, entrambi del centrosinistra. A Minturno, in provincia di Latina, supera il primo turno con oltre il 60% dei voti il sindaco uscente  Gerardo Stefanelli; a Mentana il civico Marco Benedetti sfonda con il 59% delle preferenze.

Al ballottaggio andranno invece nove città delle province di Roma, Latina e Frosinone. Debacle per i 5Stelle e Lega, che perde consensi. A Frascati le destre sono fuori dal secondo turno. Si sfidano al ballottaggio Francesca Sbardella, alla guida di una coalizione a trazione Pd, e l’ex sindaco, l’indipendente di centrosinistra Roberto Mastrosanti.

A Bracciano l’azzurro sindaco uscente Armando Tondinelli dovrà sfidare il candidato civico di centrosinistra Marco Crocicchi. Il Movimento 5 Stelle si gioca l’ultima speranza nel comune di Marino. Il sindaco uscente Carlo Colizza, con un 25,5%, se la vedrà con il candidato della Lega e di Forza Italia, Stefano Cecchi, forte di un 32,2%.

Ad Alatri, in provincia di Frosinone, non riesce a spuntarla il Pd, rimasto fuori dal secondo turno. Al ballottaggio infatti si sfideranno il candidato del centrodestra Maurizio Cianfrocca (43,3%) e il civico Enrico Pavia (29,1%). Il dem Fabio Di Fabio non ha superato il primo turno. A Sora invece sarà scontro tra i civici Luca Di Stefano (37,4%) ed Eugenia Tersigni (28%). Anche a Cisterna di Latina, vicino il capoluogo pontino, ci sarà il ballottaggio tra Valentino Mantini, sostenuto da Pd e M5S, che ha ottenuto al primo turno il 37% dei consensi, e il candidato del centrodestra Antonello Merolla, che ha ottenuto il 35,8% dei voti.

Anche a Formia si procede con il secondo turno, tra il forzista Gianluca Taddeo (36,6%) e il civico di censtrosinistra Amato La Mura (27,4%). A Sezze, sempre in provincia di Latina, sfida tra il civico Lidano Lucidi (39,4%), e il candidato del centrosinistra Sergio Di Raimo (32,2%).

A Sperlonga trionfa ancora Armando Cusani, eletto per la quarta volta alla guida della località balneare. L’ ex azzurro, che questa volta ha deciso di candidarsi senza l’appoggio di Foza Italia, ha ottenuto il 46,2% dei consensi.

Andrea Lagatta