“Sono orgoglioso oggi di ringraziare la Society for Immunotherapy of Cancer, Società per l’Immunoterapia del Cancro, che mi ha conferito il Collaborator Award 2020, un premio importantissimo per me, che celebra l’impegno e la fiducia che in pochi abbiamo avuto quando si è iniziato a parlare di immunoterapia”. Così l’oncologo e ricercatore italiano Paolo Ascierto dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli ringrazia con un post sui social l’organizzazione mondiale dedicata ai professionisti che lavorano nel campo dell’immunologia e dell’immunoterapia del cancro.

Dopo numerosi riconoscimenti ottenuti quest’anno grazie anche al suo impegno nella battaglia contro il Covid-19, il dottor Ascierto potrà contare un premio in più nel suo palmares. “Sono altrettanto orgoglioso di aver fatto da ponte tra gli USA e l’Europa nella sperimentazione di un nuovo percorso di cura per i pazienti per cui fino a quel momento non avevamo molte terapie a disposizione”, prosegue l’oncologo.

D’altronde, la ricerca dell’Istituto dei tumori Pascale non è la prima volta che sbarca oltreoceano. Lo scorso settembre, infatti, il sito statunitense Expertscape.com ha stilato una classifica di 65mila esperti nella lotta al melanoma mettendo al primo posto l’ospedale napoletano e Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia oncologica e Terapie Innovative. Un risultato che abbiamo potuto raggiungere insieme, grazie alla ricerca e agli sforzi di tanti di noi che si sono dedicati alla scienza con passione e dedizione straordinarie”, conclude.