L’eventuale presenza del movimento delle Sardine alle prossime elezioni politiche provocherebbe uno scenario da incubo per Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Ad attestarlo il sondaggio realizzato da Tecnè per la trasmissione di Rete4Quarta Repubblica’.

Durante il programma condotto dal giornalista Mediaset Nicola Porro sono andati in onda infatti i dati di uno scenario che ipotizza elezioni politiche con o senza il movimento che sabato ha portato migliaia di persone a piazza San Giovanni, nella Capitale.

SENZA PARTITO DELLE SARDINE – Nello scenario senza Sardine in campo, la coalizione di centrodestra formata da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia incasserebbe il 51,3% delle preferenze. Dietro si piazzerebbero il Partito Democratico (18,9%), Movimento 5Stelle (15,7%) e Italia Viva di Renzi (3,9%).

CON PARTITO DELLE SARDINE – Nel secondo scenario, con le Sardine ufficialmente schierate nella competizione elettorale, il movimento ‘guidato’ da Mattia Santori raccoglierebbe il 7,9% dei consensi. Voti che verrebbero sottratti soprattutto da Partito Democratico (in calo al 16,1%) e al Movimento 5Stelle (13,1%). La coalizione di centrodestra a trazione leghista scenderebbe ‘solo‘ al 50,7%.

DA DOVE VIENE IL 7,9% DELLE SARDINE – Il partito più colpito da quello potenziale delle Sardine sarebbe, secondo Tecnè, il Pd che perderebbe ben il 2,8%. Sulla stessa lunghezza d’onda il M5S  che perderebbe il 2,6%. Italia Viva di Matteo Renzi lo 0,2%, mentre tutto il centrodestra (Lega, FdI e FI) lo 0,6%. Inoltre le Sardine raccoglierebbero anche l’1,7% da partiti minori.