“E’ stata approvata la riforma del Csm”. Lo ha annunciato il premier Giuseppe Conte al termine del Consiglio dei ministri che ha dato il via libera al Decreto agosto.

“Questo decreto è stato possibile anche con il contributo prezioso del Parlamento, che ha approvato lo scostamento di bilancio, sono sicuro che potranno migliorarlo ancora di più” aggiunge il premier in conferenza stampa a palazzo Chigi.

“Abbiamo appena approvato un decreto importante di rilancio della nostra economia” con misure significative che, sommando tutti i provvedimenti messi in campo dal governo, valgono “100 miliardi di euro” ha spiegato Conte.

“Sono particolarmente orgoglioso delle misure per il Sud, non lo dico da figlio del Meridione ma da cittadino italiano. Sono grato al ministro Provenzano, diamo le basi per una reindustrializzazione del Sud” ha poi aggiunto il premier.

Sul rimpasto è categorico: “Sono pienamente soddisfatto di tutti i miei ministri, non c’è nessun esigenza di rimpasto. E’ una formula logora che non amo, anche se non sono esperto dei tradizionali modi di affrontare alcuni passaggi della politica italiana. Ci sono passaggi impegnativi, dobbiamo lavorare sul recovery plan italiano. I tempi sono strettissimi, abbiamo un’occasione storica e non possiamo perderla, non possiamo rimanere concentrati”.

APPROVATA RIFORMA CSM – “Abbiamo pensato la riforma del Csm per introdurre criteri meritocratici per l’assegnazione degli incarichi” ha spiegato Conte.

CORONAVIRUS: “MSIURE FINO AL 7 SETTEMBRE” – “Con il nuovo Dpcm proroghiamo le misure precauzionali minime fino al 7 settembre, le mascherine, il distanziamento di un metro. E’ in perfetta coerenza – aggiunge il premier – con quanto fatto fino a oggi abbiamo introdotto misure adeguate. Siamo in condizioni di stabilità con segnali di ripresa dei contagi. Stiamo facendo bene, anche meglio di altri Paesi”.
“Dobbiamo ripartire ma dobbiamo farlo con responsabilità, dobbiamo essere intelligenti per non tornare indietro. Capisco il periodo caldo, capisco i giovani con desiderio di movida ma dobbiamo muoverci con responsabilità” ha sottolineato Conte che annuncia: “Nel nuovo Dpcm in vigore fino al 7 settembre “è prevista la ripartenza delle navi da crociera dal 15 agosto”. Nella stessa data “c’è la ripresa delle attività fieristiche con allestimenti che possono partire subito e le fiere vere e proprie dal primo settembre”.

GUALTIERI: SCELTE DI RILIEVO – “Abbiamo dimostrato di essere in grado e avere la determinazione di fornire uno stimolo fiscale molto forte per preparare la ripresa. Adesso ci prepariamo a questo grande piano che rappresenta un’occasione storica per l’Italia. Con il decreto agosto abbiamo messo in campo misure maggiormente orientate alla crescita e alla ripresa e fatto scelte di rilievo ”. Così il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in conferenza stampa a palazzo Chigi.

DADONE: MISURE CONCRETE – “Sostegno alle imprese e ai settori economici più colpiti dal virus. Difesa dei lavoratori e delle famiglie. Aiuti importanti agli enti locali e alla scuola. Un taglio delle tasse per il rilancio del Paese. Con il Decreto Agosto ancora misure concrete per far ripartire l’Italia” ha dichiarato la ministra della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone.

FRACCARO: 1 MILIARDO AI COMUNI NEL 2021 – “Il Governo sta mettendo in campo ogni sforzo possibile per far ripartire il Paese, per questo con il decreto Agosto approvati in Consiglio dei Ministri sono stati stanziati altri 500 milioni di euro per gli investimenti dei Comuni: i fondi per il 2021 ammontano così a 1 miliardo di euro in totale, risorse da utilizzare per gli interventi di sviluppo sostenibile. Parte una nuova stagione di crescita basata sulle opere diffuse nei territori e sulla tutela ambientale”. Lo annuncia il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro. “Con l’ultima legge di bilancio – aggiunge – abbiamo reso strutturali le risorse a favore delle opere di messa in sicurezza e sviluppo sostenibile nei Comuni stanziando 2,5 miliardi di euro in 5 anni. Con gli ulteriori 500 milioni del dl Agosto i fondi salgono a ben 3 miliardi di euro consentendo al Governo di attuare un piano straordinario di investimenti sui territori per favorire la crescita del Paese. Già negli ultimi due anni avevamo erogato 900 milioni di euro per interventi di riqualificazione e sostenibilità con risultati a dir poco incoraggianti: il 98% dei Comuni ha utilizzato queste risorse con un aumento della spesa effettiva per investimenti del 16% dopo anni di progressivo calo. Ora finanziamo nuovi cantieri in tutto il Paese per la messa in sicurezza di scuole ed edifici pubblici, gli interventi a favore del risparmio energetico e dell’utilizzo di fonti rinnovabili, l’abbattimento delle barriere architettoniche, lo sviluppo e la mobilità sostenibile. Una misura espansiva che consentirà ai Comuni di investire nelle infrastrutture utili per il territorio, contribuendo alla ripresa economica e favorendo in maniera decisiva la sostenibilità ambientale. Il Governo – conclude Fraccaro – non si limita ad affrontare la crisi che stiamo attraversando ma progetta una fase di crescita che guarda al futuro e alle prossime generazioni”.

SPADAFORA: OTTIME NOTIZIE PER SPORT – “Ottime notizie nel decreto agosto per il mondo dello sport: il bonus di giugno arriverà automaticamente, a tutti coloro che hanno già ricevuto il bonus per i mesi precedenti. Siamo riusciti a portare a 70 milioni di euro il budget per il credito di imposta per le sponsorizzazioni sportive, fortemente auspicato dal Comitato 4.0 e da migliaia di squadre e associazioni. Anche lo Stato inoltre parteciperà e sosterrà i mondiali di Sci “Cortina 2021” attraverso la partecipazione alla garanzia necessaria. Posso anticipare inoltre che nel prossimo Dpcm, in linea con quanto stabilito stamani al tavolo sulla ripartenza col presidente Bonaccini, ci saranno buone novità per la ripresa, a partire da una graduale apertura alla presenza di pubblico agli eventi e alle competizioni, nel massimo rispetto dei protocolli sanitari, e il corridoio di sicurezza per gli atleti stranieri”. Così il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora. “Sono molto felice che un segnale importante sia stato dato per il Servizio civile universale: un fondo aggiuntivo di 20 milioni che consentirà a migliaia di giovani di effettuare un’esperienza importante”, conclude.