Ilaria Cucchi, Daniela Santanché, Claudio Lotito, Sergio Costa sono i primi candidati eletti nei collegi uninominali del Senato. Brutta sconfitta per Luigi Di Maio che rischia di non rientrare in Parlamento.

Il primo a essere scrutinato, secondo i primi dati reali elaborati da Quorum per SkyTg24, è quello di Firenze dove è stata eletta Ilaria Cucchi (Sinistra italiana).

Cucchi ha superato, in un collegio che era considerato blindato per il centrosinistra, Federica Picchi candidata del centrodestra. “Festeggiamo la nostra prima senatrice, Ilaria Cucchi!”. Con questo annuncio scatta il brindisi e l’applauso nel quartier generale dell’alleanza Verdi-Sinistra al Caffè Letterario in via Ostiense a Roma.

La stessa Cucchi commenta sui social: “Era il 3 novembre 2009. Mi trovavo in Senato per ascoltare il Ministro Alfano che era stato chiamato a riferire su come e perchè fosse morto Stefano Cucchi, quando era in stato di arresto, nelle mani dello Stato. Momenti terribili. Ora tornerò lì da Senatrice. Sono consapevole della gravità del momento storico che sta vivendo il mio Paese ma non dovrò avere timore. Stefano sarà con me. So che è fiero di me e che mi sta dicendo che dovrò mantenere le promesse fatte a coloro che hanno avuto fiducia in me. Dovrò continuare ad essere la voce degli ultimi. Siamo Umanità in marcia”.

Vittoria anche per Claudio Lotito, per il centrodestra, in Molise in un collegio che alla vigilia era ritenuto blindato per il centrodestra. Il presidente della Lazio ha superato Ottavio Balducci del M5s, Rossella Gianfagna del centrosinistra.

Elezione certa anche per Daniela Santanché nel collegio senatoriale di Cremona. La candidata di centrodestra avrebbe sconfitto il candidato del centrosinistra Carlo Cottarelli, che potrebbe comunque entrare comunque in Parlamento con il proporzionale.

Emma Bonino batte Carlo Calenda nel maxi collegio uninominale Lazio 2, compreso tra la città metropolitana di Roma Capitale e la provincia di Viterbo ma non riesce ad avere la meglio di Lavinia Mennuni, la candidata della coalizione di centrodestra.

Secondo i dati YouTrend, nel collegio uninominale Napoli Fuorigrotta della Camera Sergio Costa (M5S) è eletto deputato con il 41%. Sconfitti Luigi Di Maio (centrosinistra) con il 21%, Mara Carfagna (Az/IV) e Mariarosaria Rossi (Centrodestra). Impossibile l’elezione di Di Maio nei collegi plurinominali perché Impegno Civico è sotto la soglia dell’1% dei voti, non contribuendo quindi al risultato complessivo della coalizione di centrosinistra. L’ex capo politico del Movimento 5 Stelle è fuori dal Parlamento dopo 10 anni.

Pierferdinando Casini (centrosinistra) è eletto senatore del collegio uninominale di Bologna. L’ex presidente della Camera ha sconfitto Vittorio Sgarbi (centrodestra) dopo un testa a testa avvincente.

Sconfitta anche per l’ex capogruppo del Pd Andrea Marcucci nel collegio uninominale di Livorno: vince Manfredi Potenti del centrodestra. “E’ probabilmente il risultato più basso o uno dei più bassi del centrosinistra nella storia. Con questi dati, prendo atto anche della mia sconfitta nel collegio toscano dove ero candidato. I risultati vanno sempre rispettati, auguro buon lavoro al senatore Manfredi Potenti” commenta su Twitter Marcucci.

E’ statisticamente certa, secondo l’elaborazione di Quorum/Youtrend per SkyTg24, l’elezione di Silvio Berlusconi nel collegio uninominale del Senato di Monza, dove, per il centrosinistra, era candidata Federica Perelli.  Nel collegio al Senato di Sesto San Giovanni, ex Stalingrado d’Italia (ma già alla seconda legislatura con un sindaco di centrodestra), Isabella Rauti di FdI sta surclassando il pd Emanuele Fiano (46,49% contro il 29,97%).

Redazione