Vado a rendere omaggio al Dio del Calcio“. Questa la motivazione, nero su bianco, sull’autocertificazione fondamentale per spostarsi nell’ambito della zona rossa, lasciata all’esterno della curva B dello stadio San Paolo di Napoli.

Tra le migliaia di cimeli per ricordare la scomparsa di Diego Armando Maradona, anche il modello scaricato dal sito del Ministero dell’Interno. A lasciarlo un tifoso che ha inserito come destinazione lo “stadio Maradona” (ben presto il San Paolo sarà intitolato al campione argentino) e nello spazio destinato alla giustificazione dello spostamento ha inserito la motivazione sopra citata.

Da quando è stata annunciata la morte di Maradona alle 17.30 di mercoledì 25 novembre, lo stadio San Paolo di Napoli così come piazza del Plebiscito, i Quartieri Spagnoli (dove si trova murales storico del Pibe de Oro) e altre zone della città sono state teatro di raduni di tifosi e appassionati di calcio che, nonostante la zona rossa e le restrizioni attualmente in vigore, hanno voluto rendere omaggio la giocatore più forte di tutti i tempi.

Episodi che sono stati condannati dalla Lega. “Avevo capito che la Regione Campania fosse zona rossa, con annessi divieti di assembramenti e di coprifuoco. Avevo capito che le norme nazionali vigenti per il virus valessero per ogni Regione, inclusa la Campania, eppure vedendo gli assembramenti ieri sera fuori dallo stadio di Napoli per omaggiare la memoria di Maradona non leggo dichiarazioni a riguardo del premier Conte e del ministro Speranza. Avevo capito che in Regione Campania ci fosse un Governatore che parlava di lanciafiamme, esercito, muri sui confini regionali… ma vedo che si è zittito di fronte a tutto questo. Avevo capito male io?”. Lo scrive sulla sua pagina Facebook il senatore della Lega Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato.

Polemiche anche da parte di “Vorrei capire se regole delle zone rosse valgono solo per la Lombardia? Nella Campania di Di Maio e Fico e’ tutto concesso, anche gli assembramenti notturni davanti allo stadio per commemorare Maradona? Ministro Speranza nulla da dire? E i soloni del Cts? Tutti zitti oggi? Poi però almeno evitate le sparate del ministro Boccia sull’anticipare di due ore le messe di Natale: oppure vale l’eccezione per commemorare Maradona ma non per la festa più sacra per tutti noi?”. Lo dichiara in una nota l’onorevole Paolo Grimoldi, deputato della Lega e segretario della Lega Lombarda Salvini Premier.