Attacca Berlusconi e la sua apertura al governo Conte, critica il premier schiavo della Cgil e sfida De Luca in vista delle prossime elezioni regionali in Campania dove la Lega tra qualche giorno annuncerà il suo candidato civico.

Nella sua tappa napoletana a Villa Vittoria, Matteo Salvini abbraccia l’entrata in Lega del consigliere regionale Giampiero Zinzi e del professor Severino Nappi presentati dal commissario Nicola Molteni. In Campania “un sondaggio che non abbiamo fatto noi dice che il centrodestra parte da quota 40% con la Lega primo partito ma non imponiamo niente a nessuno. Se c’è un candidato che mette d’accordo tutti, non ho smanie di mettere bandierine. L’importante è che incarni la voglia di cambiamento rispetto a De Luca, che pur di salvare la poltrona recluta chiunque”.

Per il segretario delle Lega “il candidato e soprattutto la squadra dovranno essere diversi da De Mita e De Luca”. Nonostante i complimenti di rito a Stefano Caldoro, “è una brava persona ma i nostri elettori vogliono altro”, e  Catello Maresca, “a me piace molto per quello che dice e quello che fa, questo non vuol dire che sia candidato della Lega e del centrodestra domani mattina”, all’inizio della prossima settimana arriverà il nome civico che correrà per la Regione.

Su questo Salvini dà qualche indicazione: “Mi piacciono – ha poi rilevato – tanti imprenditori napoletani e campani. Immagino si voterà a settembre e ottobre, penso che in quattro mesi potremo spiegare la nostra idea di futuro. Avendo lavorato tanto, non credo che quattro giorni facciano la differenza nel bene o nel male”.

Prima di passare ai temi nazionali, l’ex ministro dell’Interno si dice pronto a un confronto con De Luca “su temi come i rifiuti, e non sul colore della mia montatura, e sulla camorra. E’ un confronto che accetto anche domani mattina”.

L’ATTACCO A BERLUSCONI – “Devo confessare che Berlusconi ogni tanto non lo capisco”, dice Salvini bocciando all’ipotesi di  un Governo con Draghi alla guida. “Dopo conte si andrà solo alle elezioni, no ai giochi di palazzo” sottolinea riservando poi altre frecciatine al Cavaliere dopo l’intervista rilasciata questa mattina a “La Stampa”. “L’ho sentito dire sì al Mes – aggiunge – usare la lingua di Prodi e di Renzi da liberale e moderato. Mi lascia dei dubbi. La Lega dice che prima il governo va a casa e meglio è, spero che nessuno del centrodestra sia disponibile a sostenere altre robe strane”.

LA REPLICA DI FORZA ITALIA – “Fatichiamo sempre di più a comprendere le uscite di Salvini sul Presidente Berlusconi e Forza Italia. In un momento di crisi sanitaria ed economica senza precedenti, anziché prendere ad esempio le efficaci ricette liberiste e l’impegno a tutela di famiglie, professionisti, lavoratori e attività produttive, proposte da Berlusconi, Salvini si dedica alla mera propaganda. Le parole del nostro leader sull’Europa non sono “renzismo”, ma buon senso e pragmatismo. Il Presidente Berlusconi, da sempre, guarda alla difesa degli italiani, altri probabilmente guardano troppo ad ottenere like su facebook. Per noi l’unità della coalizione è imprescindibile, ma rivendichiamo rispetto reciproco e respingiamo ogni tentativo di prevaricazione, a livello territoriale come a livello nazionale”. Lo afferma il senatore Domenico De Siano, coordinatore regionale campano di Forza Italia.

CGIL AL COMANDO – Tornando al Governo Conte, Salvini sostieni che l’Italia “in questo momento è governata dalla Cgil. La nostra proposta di bloccare il codice degli appalti fino al 2026 viene dall’Europa, chiediamo – spiega – che valga la normativa europea sugli appalti e non quella italiana. Non possono neanche dirmi che sono un pericoloso sovranista. Eppure la risposta è ‘no’ perché la Cgil non vuole. Per loro le cose più sono complicate e meglio è “.

FAKE NEWS – “Comici! Qualche buontempone si è divertito a ritoccare la grafica di un cartello sulla mia visita di oggi a Napoli mettendo l’Etna al posto del Vesuvio? Se queste sono le armi di sinistra e grillini contro la Lega… La commissione sulle fake news che dirà? Facciamo girare e inviamo bacioni!”. Questa la sua risposta alle polemiche sulla presunta gaffe con la foto dell’Etna, il giallo della foto usata per il tour in Campania.